MILANO- Presentato al Piccolo Teatro il 45°Festival della Valle d’Itria col tema dedicato agli «Albori e bagliori. Napoli e l’Europa: il secolo d’oro»

2019

di Clelia Conte

Presentata a Milano il 14 maggio la 45°edizione che si svolgerà dal 16 luglio al 4 agosto a Martina Franca

 

Il Festival della Valle d’Itria sarà dedicato a Napoli e all’Europa. Omaggio a Paolo Grassi, per il suo centenario che fu fondatore del Piccolo di Milano, sovrintendente della Scala e presidente Rai.

Il direttore artistico Alberto Triola e il direttore musicale Fabio Luisi  con il presidente Franco Punzi, tra i fondatori della prestigiosa rassegna italiana, hanno presentato a Milano al Piccolo teatro un cartellone con oltre trenta appuntamenti in 18 giorni.
Ad aprire il festival, il 16 luglio sarà ‘Il matrimonio segreto’ di Domenico Cimarosa con la regia di Pierluigi Pizzi, che firma anche la rara ‘Ecuba’ di Nicola Antonio Manfroce con Fabio Luisi sul podio, direttore musicale del festival. Altre opere, L’Orfeo di Nicola Porpora e Il Coscoletto di Jacques Offenbach – in prima italiana in forma semi-scenica – chiudono il cartellone al Palazzo Ducale.  Le sedi dell’opera in masseria saranno 5 con in scena L’ammalato immaginario di Leonardo Vinci e La vedova ingegnosa di Giuseppe Sellitti.

Ai <Concerti del Sorbetto> si aggiungono gli eventi dedicati a Paolo Grassi che avranno inizio con una mostra. Altri appuntamenti con <Novecento e oltre> e col Festival junior.

Fra gli interpreti vocali, alcune stelle internazionali come Carmela Remigio, Olga Peretyatko e Raffaele Pe insieme a giovani emergenti come Roberta Mantegna eAnna Maria Sarra.

Tra i  direttori d’orchestra George Petrou, Sesto Quatrini e Sabino Manzo. Le orchestre saranno quelle del Petruzzelli di Bari, Armonia Atenea e la Cappella Musicale Santa Teresa dei Maschi.

Per consultare il programma completo andare su http://www.festivaldellavalleditria.it

Lascia un commento