Antonio Megalizzi: non ce l’ha fatta, vittima dei deliri del terrorista ucciso Cherif Chekatt

 

di Romolo Ricapito
Antonio Megalizzi: la sua tragica scompara  fa riflettere su certe beffe del destino.

Il giovane giornalista di Trento,, convinto europeista, è stato ucciso da un coetaneo attratto da disvalori e vendette che stavano soltanto nella sua testa.
Antonio Megalizzi

Un terrorista “radicalizzato”, che ha scelto di morire non facendosi arrestare, puntando le armi contro la gendarmeria francese.

Antonio invece la morte non l’ha scelta, ma l’ha incontrata per caso.
Sfortunatamente il proiettile che l’ha colpito non lo ha risparmiato e le speranze degli italiani e di tanti colleghi del giovane giornalista sono sfumate.
Megalizzi lavorava per pochi soldi, probabilmente sicuro che il suo credo di unione tra popoli dell’Europa (e non) fosse più importante del “vile” denaro.
Ancora una volta dunque una vittima italiana all’interno di queste stragi che hanno intorbidato gli ultimi anni, spesso in prossimità del Natale.

Cherif-Chekat,l’assassino
Una vittima giovane, entusiasta e  preparata tra i tanti ragazzi che vanno all’estero per cercare di mettere a disposizione del prossimo  il proprio tempo, il   talento e la loro cultura.
17 dicembre 2018

Lascia un commento