BARI- Festa delle reti civiche urbane

IL SINDACO ALL’OFFICINA DEGLI ESORDI

11 dicembre 2018-

  Il sindaco di Bari, Antonio Decaro, ha partecipato alla festa cittadina delle Reti Civiche Urbane (RCU), dove ha incontrato tutti i soggetti e i cittadini intervenuti in questi mesi alla fase iniziale di partecipazione nei 12 quartieri durante gli incontri coordinati dallo staff di RCU.

L’iniziativa è stata utile per ringraziare tutte le associazioni e le realtà che hanno fatto “rete” nei quartieri e che hanno partecipato al bando pubblico, avviato lo scorso agosto per selezionare i soggetti beneficiari dei fondi da investire su attività di animazione del territorio nei prossimi mesi.

Reti civiche Urbane è una misura sperimentale di “community building”, di costruzione di comunità su scala di quartiere, finanziata per 1.200.000 euro a valere sul POC Città Metropolitane 2014-2020 (Programma Operativo Complementare del PON METRO), che effettivamente non ha precedenti nella città di Bari. Comitati di quartiere, parrocchie, scuole, associazioni culturali, commercianti e residenti, si sono confrontati incessantemente su ciascun quartiere in poco più di tre mesi, in forma assembleare e itinerante, con cadenza settimanale, per conoscersi e interrogarsi su una visione di città condivisa e che storicamente, proprio nei quartieri, ha la sua identità più plurale e profonda.

Uno sforzo di aggregazione e mobilitazione sociale importante – 104 incontri, 300 ore di co-progettazione, 62 sedi associative frequentate, più di 200 realtà coinvolte, una community di 2000 persone attive – che ha avuto come obiettivo quello di coinvolgere attivamente i cittadini nel tradurre le proprie istanze ed idee in progetti concreti da realizzare, per rendere più bello e attraente il proprio quartiere.

“Dodici volte grazie, questo è quello che mi sento di dire a tutti i cittadini presenti questa sera – ha esordito il sindaco Decaro nella sala -. Grazie innanzitutto come cittadino di Bari. Perché la vostra presenza qui oggi e in questi mesi mi rassicura, oltre che darmi un senso di protezione straordinario. Vedere i vostri volti durante gli incontri, ascoltare le vostre parole nei video pubblicati in questi mesi è stato per me motivo di grande orgoglio ma soprattutto di grande serenità perché ho la consapevolezza che, anche se prima o poi non farò più il sindaco, la gestione di questo posto bellissimo forse cambierà a scadenza di affidamento, i parroci delle nostre parrocchie di riferimento cambieranno, come pure i dirigenti scolastici, la rete e le sinergie che abbiamo creato in questi mesi grazie al vostro amore per la città resteranno intatte. Perché avete dato prova di essere realtà mature e organizzate, capaci di mettervi in gioco per un obiettivo comune: amare e curare questa città.

La risposta alla nostra chiamata di agosto è stata straordinaria ed entusiasmante: 12 candidature per 12 aree. Una sola cordata per ciascun quartiere. Una sola proposta comunitaria per area territoriale che ha coinvolto complessivamente una media di 16 organizzazioni per quartiere, per un totale di 200 realtà del settore sociale e culturale, attive direttamente nelle ATS che si costituiranno a breve.

Uno sforzo di unione, di energie e di intenti che ci restituisce un quadro di maturità e convergenza culturale che fa ben sperare per la città di Bari. Una città più coesa è una città più forte. Ed è a noi oggi la responsabilità di rispondere efficacemente a questa domanda di partecipazione, favorendo la realizzazione delle iniziative programmate e trasformando le Reti Civiche Urbane in laboratori permanenti di elaborazione culturale e civile e di consultazione per l’amministrazione. Laboratori che diventino presidi e punti di riferimento nella città, laboratori che vivranno anche dopo di noi e che saranno la forza di questa città che ha scelto da tempo di crescere e di mostrare al Paese quello che è”.

Lascia un commento