il principe machiavelli

Il Principe si compone di una dedica e ventisei capitoli di varia lunghezza; l'ultimo capitolo consiste nell'appello ai de' Medici ad accettare le tesi espresse nel testo. De principatibus novis qui armis propriis et virtute acquiruntur. L'Autore pensa che sia meglio essere impetuosi che rispettosi, perché la fortuna è donna ed è necessario per tenerla a bada batterla ed urtarla. Della liberalità e miseria. Gli uomini pervengono al fine che è loro innanzi variamente. Persino il concetto di Realpolitik si basa sulle idee di Niccolò Machiavelli. ... Quello che al Principe si appartenga circa la milizia. Non possono perché non hanno le forze che possono esser loro fedeli. Volendo dunque i Medici accollarsi questo impegno, dovranno innanzitutto fornirsi di armi proprie. La Vita di Castruccio Castracani da Lucca à Zanochi Buons del Monti & a Luigi Alamani composta per il medesimo. Siccome ciò presuppone virtù o fortuna, ognuno di questi due elementi mitiga le difficoltà che sono molte: però colui che si è meno fidato della sorte, mantiene più a lungo il suo regno. Il pensiero di Machiavelli e il termine "machiavellico" sono spesso stati disapprovati, in gran parte a causa della scarsa comprensione del suo metodo. Rushworth Kidder ha caratterizzato l'etica come un'istanza simile alla politica consistente in numerosi diritti che non possono essere sorretti allo stesso momento. The chiefs who asserted an isolated independence, and the power they arrogated, must be entirely subdued; and though we cannot reconcile with our idea of Freedom, the means which he proposes as the only efficient ones, and regards as perfectly justifiable – inasmuch as they involve the most reckless violence, all kinds of deception, assassination, and so forth – we must nevertheless confess that the feudal nobility, whose power was to be subdued, were assailable in no other way, since an indomitable contempt for principle, and an utter depravity of morals, were thoroughly engrained in them. En dehors de la vaillance et de la fortune, on peut devenir prince par le plébiscite des concitoyens (cf. E poi le occasioni di potersi appropriare della roba d'altri sono frequentissime, al contrario delle condanne a morte. ». Inoltre i sudditi traggono vantaggio dalla possibilità di appellarsi più facilmente al principe che si trova sul posto e non in una capitale lontana. Non si meravigli il Lettore degli esempi famosi perché bisogna sempre imitare le orme dei grandi, di quelli che hanno eccelso in quel campo. Ci sono due modi di combattere: con la legge (modo proprio dell'uomo), o con la forza (modo proprio delle bestie). Se un Principe possiede sufficiente cautela, certamente manterrà intatto il suo potere, ad eccezione del caso in cui una forza troppo grande lo travolga. *FREE* shipping on qualifying offers. Ma quando un Principe ha alle sue dipendenze un esercito, deve farsi il nome di crudele perché senza questo non si tengono uniti gli eserciti né disposti ad alcuna impresa (es. Luigi sbagliò in primis dando aiuto al papa Alessandro, perdendo così numerosi alleati e ritrovandosi poi a dover venire in Italia per frenare l'ambizione del pontefice e successivamente divise anche il Regno di Napoli con il re di Spagna. Perciò è pazzo colui che crede di poter dire e di poter fare quello che vuole. Negli Stati ereditari, inoltre, vi sono meno possibilità di cambiamenti, poiché i mutamenti, in questo caso politico-istituzionali, aprono la via ad altri successivi mutamenti. Enfin, le prince doit honorer ses sujets talentueux et les laisser en mesure d'exercer leurs facultés ; il doit « amuser le peuple par des fêtes, des spectacles » et se présenter aux réunions des corporations, « sans jamais compromettre néanmoins la majesté de son rang ». Comment les princes doivent tenir leur parole, XIX. Machiavel conclut qu’il ne faut user que de ses forces propres. L'Autore vuole ammonire i Principi che hanno acquistato uno Stato da poco tempo di considerare bene i motivi che hanno spinto i suoi favoreggiatori; se non è affetto naturale verso di loro, ma solo comodità, con grande fatica se li potrà guadagnare come amici, perché sarà impossibile contentarli. Nel secondo caso, quando quelli che combattono fra loro non devono essere temuti, tanto più bisogna scoprirsi ed aderire, perché se vince uno e vince col tuo aiuto, rimane a tua disposizione. Quando sono fedeli e intelligenti sempre si può considerarlo savio, altrimenti non si può avere un buon giudizio di lui. Perché può sperare un guadagno, anzi vedendo da una parte il guadagno e dall'altra il pericolo non esiterà ad abbandonarti così non è certamente un vero nemico che il Principe debba temere. I titoli dei capitoli sono tutti in Latino (con corrispondente traduzione in Italiano probabilmente fatta dallo stesso Machiavelli), perché nell'ambiente umanista-rinascimentale si usava scrivere o almeno titolare le opere in latino, in quanto esso conferiva dignità e prestigio al testo. I grandi non avrebbero potuto far osservare a lungo le loro convinzioni se fossero stati disarmati (un esempio del contrario: Savonarola). D’ailleurs dans l’ancienneté et dans la longue continuation d’une puissance, la mémoire des précédentes innovations s’efface ; les causes qui les avaient produites s’évanouissent : il n’y a donc plus de ces sortes de pierres d’attente qu’une révolution laisse toujours pour en appuyer une seconde. Un bon Prince se maintiendra s’il détient la VIRTU, sens de l’anticipation, et la PRUDENCE, art de saisir les situations singulières. Januar 1532. Perciò è necessario al Principe sia essere buono che non buono, a seconda delle situazioni. Non sanno né possono mantenersi in quello stato. Pourquoi les princes d’Italie ont perdu leurs États, XXV. Il Modo che tenne il duca Valentino per ammazzare Vitellozzo, Oliverotto da Fermo, il S. Pagolo e il duca di Gravina, descritta per il medesimo. Zu Macchiavellis Lebzeiten kursierte Der Fürst nur in wenigen Abschriften. Perciò conviene che quando non credono più, bisogna far credere loro per forza. Il termine virtù in Machiavelli cambia significato: la virtù è l'insieme di competenze che servono al principe per relazionarsi con la fortuna, cioè gli eventi esterni indipendenti dalla sua volontà. Esaminando le azioni di questi grandi, si vedrà che l'unica cosa che hanno avuto dalla sorte sia stata l'occasione a fare ciò che hanno fatto. chap. Con Alessandro VI la Chiesa riuscì nel suo intento di spegnere i baroni romani, gli Orsini e i Colonna, grazie al Duca Valentino. Machiavelli dedica la sua opera di maggior rilievo, Il Principe, a Lorenzo de’ Medici, probabilmente nella speranza di fargli cosa gradita e di essere riammesso a Firenze.L’autore afferma che spesso coloro che vogliono entrare nelle grazie di un Principe gli donano le cose più preziose che possiedono, solitamente oggetti materiali di enorme valore. In questo il pensiero di Machiavelli è diverso dall'idea classica di ordine politico come "soluzione dei conflitti". "La mancata presentazione del Principe fu il più clamoroso non evento di quegli anni pieni di eventi": Marcello Simonetta, Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio, Niccolò Machiavelli § Controversie sul Principe, Il principe de Niccolo Macchiauelli, al Magnifico Lorenzo di Piero de Medici (...), Descrizione del modo tenuto dal Duca Valentino nello ammazzare Vitellozzo Vitelli, Oliverotto da Fermo, il Signor Pagolo e il duca di Gravina Orsini, Discorsi sopra la prima Deca di Tito Livio, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Il_principe&oldid=117690273, Voci con modulo citazione e parametro pagina, Voci con modulo citazione e parametro pagine, Collegamento interprogetto a Wikiquote presente ma assente su Wikidata, P2034 multipla letta da Wikidata senza qualificatore, Voci non biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, la disponibilità ad imitare il comportamento di grandi uomini a lui contemporanei o del passato, es. Della natura di volpe è necessario prendere il saper ingannare gli uomini. NICC. « Maintenant si nous considérons la nature du gouvernement de Darius, nous trouverons qu’il ressemblait à celui de la Turquie : aussi Alexandre eut-il à combattre contre toutes les forces de l’empire, et dut-il d’abord défaire le monarque en pleine campagne [lors de la bataille de Gaugamèles] ; mais, après sa victoire et la mort de Darius, le vainqueur, par les motifs que j’ai exposés, demeura tranquille possesseur de sa conquête. De 1498 à 1512, Machiavel est employé comme fonctionnaire de la République florentine, notamment comme légat auprès de puissances étrangères comme la France, l'Allemagne ou César Borgia[3]. De même, alors que la rédaction du Prince était considérée comme entrecoupant dans le temps celle des Discours sur la première décade de Tite-Live, Lefort, s'appuyant sur une étude de Hans Baron[15], considère le Prince comme antérieur aux Discours et notamment, la phrase du deuxième chapitre qui fait allusion à un ouvrage sur les républiques[16] serait un ajout postérieur à la première rédaction du Prince. Il trattato de Il Principe, composto, secondo alcuni, di getto nel 1513, in origine era dedicato a Giuliano de' Medici, ma dopo la sua morte avvenuta nel 1516, venne dedicato a Lorenzo de' Medici, duca di Urbino e nipote di Giuliano. Non sanno perché essendo sempre vissuti alle spalle di altri, a meno che non siano uomini di virtù straordinarie, non sono capaci per natura a comandare. nécessaire], tout en se gardant d'être trop craint de tous, afin de ne pas s'attirer de haines trop dangereuses pour la stabilité de son pouvoir. Cependant, ce pape aurait « probablement essuyé [des revers] s’il était survenu dans un temps où il eût fallu se conduire avec circonspection ; car il n’aurait jamais pu se départir du système de violence auquel ne le portait que trop son caractère ». Pour éviter d’être haï, le prince ne doit pas attenter aux biens ni aux femmes de ses sujets (cf. C'è un modo infallibile: quando vedi il Ministro pensare più a sé che a te, ricercando in ogni azione l'utile suo, questo non sarà mai un buon Ministro. C'est par la connaissance de l’art de la guerre qu’on reste prince ou qu'on le devient : un prince négligeant les armes est méprisé, à la merci de ses serviteurs et il ne peut pas faire confiance à ses soldats. Si troverà che, in primo luogo, non hanno saputo amministrare le loro armi, poi che avranno avuto nemici fra il popolo. Alla fine di tutto ciò è che l'Italia è stata vituperata da Carlo VIII, Luigi XII, Ferdinando il Cattolico e gli Svizzeri. Or « là où il n’y a point de bonnes armes, il ne peut y avoir de bonnes lois, et […] au contraire il y a de bonnes lois là où il y a de bonnes armes » : il suffit donc de parler des armes, qui sont soit propres au prince, soit mercenaires ou auxiliaires, soit mixtes. L'Autore rivolge ora la sua esortazione alla Casa Medici, favorita da Dio e dalla Chiesa. It accordingly resolved the contradiction honourably and subtly enough by maintaining that Machiavelli was not serious in what he said, and that his entire work was a subtle and ironic persiflage. Combien il y a de sortes de milices et de troupes mercenaires. Cesare Borgia). Les préceptes de Machiavel, selon lui, appliqués dans le royaume de France, sont responsables du passage d'un ancien royaume, prospère et pacifique, à une tyrannie déchirée par les guerres de religion : « La différence du gouvernement ancien (qui suivait les traces, façons et coutumes de nos ancêtres) avec le moderne, fondé sur la doctrine de Machiavel, se voit par les effets qui en sortent. XVI. L'assunzione di soldati Goti. E per farlo virtuosamente il Principe non deve tralasciare alcuna sontuosità, infondendo in tutto quello che fa la sua facoltà; alla fine sarà necessario essere tanto fiscale con il popolo per avere denari necessari allo sfarzo, cosa che però lo renderà odioso e povero; perciò siccome un Principe non può essere liberale senza suo danno, non deve curarsi di essere misero: perché col tempo sarà ritenuto sempre più liberale, considerando che gli bastano poche entrate e che riesce a difendersi dagli attacchi esterni. Nelle avversità invece, quando ci sono veramente pericoli, di amici se ne trovano pochi. », « l'effronterie avec laquelle ce politique abominable enseigne les crimes les plus affreux. Enjoy the videos and music you love, upload original content, and share it all with friends, family, and the world on YouTube. Mais Machiavel attribue cela à des « causes supérieures » qu’il ne se permet pas de développer. Perciò il Principe non deve preoccuparsi di incorrere nella reputazione di misero: questo è uno di quei vizi che lo fanno regnare. Peu importe qu'en privé, il méprise ces règles, et de fait il devra souvent aller contre la morale dans ses actions politiques secrètes, par exemple ne pas hésiter à trahir sa propre parole si c'est un moyen de conserver le pouvoir, mais publiquement il devra toujours être capable de « donner le change » afin que son peuple ne se retourne pas contre lui. Degli esempi di questi modi di governare si possono trarre dagli Spartani e dai Romani. L'Autore loda molto questa consuetudine, perché è stata testata dalla prova del tempo: nondimeno alcuni hanno perso il loro Stato lo stesso. Perciò l'Italia deve ancora attendere. Mais maintenant, par le gouvernement italien et moderne les bonnes et anciennes lois du royaume sont abolies, les guerres cruelles sont entretenues en France, les paix toujours rompues, le peuple ruiné et mangé, le commerce anéanti[35]. chap. Il s'y trouveroit tousjours, à un tel argument, dequoy y fournir responses, dupliques, repliques, tripliques, quadrupliques, et cette infinie contexture de debats que nostre chicane a alongé tant qu'elle a peu en faveur des procez, « On recite de plusieurs chefs de guerre, qu'ils ont eu certains livres en particuliere recommandation: comme le grand Alexandre, Homere: Scipion l'Aphricain, Xenophon; Marcus Brutus, Polybius; Charles cinquiesme, Philippe de Comines; et dit-on, de ce temps, que Machiavel est encores ailleurs en credit », « Ceux qui, de nostre temps, ont considéré, en l’establissement du devoir d'un prince, le bien de ses affaires seulement, et l'ont preferé au soin de sa foy et conscience, diroyent quelque chose à un prince de qui la fortune auroit rangé à tel point les affaires que pour tout jamais il les peut establir par un seul manquement et faute à sa parole. E gli uomini hanno meno rispetto a offendere uno che si fa amare di uno che si fa temere; perché l'amore è tenuto da un vincolo d'obbligo che può essere spezzato da ogni occasione di utilità; il timore invece non abbandona mai. 6), il fallait qu'elle fût « sans chefs, sans institutions, battue, déchirée, envahie, et accablée de toute espèce de désastres » pour que « quelque génie pût s'illustrer ». Buy a cheap copy of De Principatibus / Il Principe book by Niccolò Machiavelli. Dans son essai Sur la constitution allemande[81], après avoir remarqué les similitudes entre l'Allemagne qu'il connaît et l'Italie de Machiavel[82], il condamne l'« étroitesse de vue[83] » de ceux qui ont condamné le Prince comme un manifeste de la tyrannie, réfute l'interprétation du Prince comme portant un sens républicain caché[84], clame la justesse de l'ouvrage comme réponse à un contexte historique donné[85] et conclut son développement sur cet ouvrage en affirmant : « L'œuvre de Machiavel demeure le grand témoignage rendu par lui à son temps et à sa propre foi, que le destin d'un peuple courant à sa perte peut être sauvé par un génie[86]. Pertinax et Sévère Alexandre durent leur chute au mépris qu’ils inspiraient à leurs soldats, à cause de leur modération ; Marc Aurèle, lui aussi tempéré, ne se maintint que grâce au prestige de son ascendance et de ses vertus. Elle suscite rapidement des critiques, notamment pour son absence de considérations morales, qui se heurte aux principes religieux : mis à l’Index le 30 décembre 1559[33], Le Prince est censuré en Italie à partir de 1564[34] ; dès 1576, Innocent Gentillet, homme de lettres français et huguenot, publie son Discours sur les moyens de bien gouverner, plus connu par son sous-titre, Anti-Machiavel. Nel 1739 Federico II di Prussia scrisse un'opera critica contro Il Principe, intitolata Anti-Machiavel, anche se durante il suo regno non sempre si attenne ai princìpi professati da giovane. Machiavelli costruisce quindi il suo modello osservando la realtà, questo è il concetto di realtà effettuale. Prenda dunque la Casa dei Medici quest'impresa con quell'ardore come si debbono prendere le imprese giuste, acciocché la patria ne sia nobilitata e affinché si avverino finalmente quei versi del Petrarca nella sua Canzone Italia mia, vv. L'autore prende ad esempio il Duca di Ferrara, spodestato non per cattiva condotta, ma poiché non riuscì a resistere agli attacchi, prima dei Veneziani nel 1484 e poi di papa Giulio II nel Luglio 1510. Pur non essendo letteralmente uguale a quella che conosciamo, il senso è evidentemente molto simile alla sua forma popolare. Frédéric II de Prusse publie en 1740 un Anti-Machiavel, rédigé en français puis corrigé et édité par son ami Voltaire[54]. An arces et multa alia quae cotidie a principibus fiunt utilia an inutilia sint. - Éd. Le prince élevé par les grands est moins favorisé que le prince élevé par le peuple car « [les grands] veulent opprimer, et le peuple veut seulement n'être point opprimé ». Quanto possa la fortuna nelle vicende umane e come le si debba resistere, XXVI. Nell'esaminare le qualità dei Principati si distingue il Principe che è indipendente nella milizia da altri (1) e il Principe che invece ha sempre bisogno dell'aiuto di altri (2). », « peuvent résulter […] sa conservation et son bien-être », « il sera réputé libéral par tous ceux, en nombre infini, auxquels il ne prendra rien », « à mesure qu’on l’exerce, on perd la faculté de l’exercer encore : on devient pauvre, méprisé, ou bien rapace et odieux », « rétablit l’ordre et l’union dans la Romagne », « Un prince bien avisé ne doit point accomplir sa promesse lorsque cet accomplissement lui serait nuisible, et que les raisons qui l’ont déterminé à promettre n’existent plus. Gli stati che sono membri aggiunti di un altro stato possono o appartenere alla stessa area geografica dello stato che li ha acquisiti, nella quale vigono quindi i medesimi usi e costumi, oppure avere delle tradizioni e delle usanze completamente diverse. Per quanto riguarda i sudditi, quando le cose di fuori non si muovono, il Principe deve temere che non congiurino segretamente, cioè deve evitare di essere odiato e disprezzato. Retrouvez l'émission en réécoute gratuite et abonnez-vous au podcast ! « je m'amuse encore à l'augmenter et à le polir », « Il s’arrête soudainement, pour rédiger un opuscule de quatre-vingts pages dont il aurait eu l’intuition en cultivant un champ », « Je ne traiterai point ici des républiques, car j’en ai parlé amplement ailleurs ». Se invece il principe occupasse militarmente il nuovo stato, spenderà moltissimo, tramutando l'acquisto in perdita e facendosi molti nemici. È stata sempre consuetudine dei Principi edificare fortezze che siano il freno contro quelli che tramano contro di loro. Non è di poca importanza per il Principe l'elezione dei suoi ministri che sono buoni o no secondo la prudenza del Principe. XV. (Senza dubbio i Principi diventano grandi quando superano le difficoltà e le avversità). Si malgré l'observance de ces préceptes certains princes d'Italie, comme le roi de Naples ou le duc de Milan, ont été déchus, c'est soit par leur mauvaise gestion militaire (cf. Solo questi Principati sono sicuri e felici. Questo avviene secondo: Bisogna dunque notare che l'occupatore, nell'occupare uno Stato, deve fare tutte le offese necessarie tutte insieme per potersi guadagnare gli uomini. Questa gioia nasce, un po' per paura dei nuovi occupanti che hanno il coltello dalla parte del manico, un po' dalla natura stessa degli uomini che non credono alle novità se non affermate solidamente. Comment doit se conduire un prince pour acquérir de la réputation, XXIII. Il vaut mieux être à la fois aimé et craint, mais cela est extrêmement difficile. Édition revue et corrigée par Joël Gayraud et Jérôme Vérain, postface de Joël Gayraud, éditions Mille et une nuits, Paris, 2003. Ainsi, Claude Lefort donne à l'ouvrage le double statut de pensée profonde et de pensée première. ». sfiducia in una classe dirigente inetta e litigiosa; persistenza di interessi particolaristici nell'aristocrazia che aveva governato le città italiane; spegnere le stirpi dei Signori che aveva spogliato. Cette dernière supposition, selon laquelle le Prince serait un livre républicain, est controversée au siècle des Lumières. Perciò un Principe savio non deve essere fedele se tale fedeltà gli ritorna contro, perché siccome gli uomini non la porterebbero bene a lui, anche lui non la deve portare a loro. Ainsi, dans sa réfutation du chapitre « Comment on doit gouverner les États ou principautés qui, avant la conquête, vivaient sous leurs propres lois[60] » qu'il exècre particulièrement[61], Frédéric commence par rejeter moralement l'asservissement d'un peuple libre[62], puis montre son inutilité stratégique[63], puisqu'une fois que le prince a saccagé le pays pour s'assurer de sa fidélité, sa conquête ne lui sert plus de rien[64]. Questo perché sempre si ha bisogno del favore degli abitanti di una provincia per conquistarla. Sa réponse est que les cruautés doivent être « commises toutes à la fois », pour que l’« amertume » n’en soit pas trop persistante dans le peuple, et pour avoir toujours de l’avance sur la nécessité. En effet, une conjuration est toujours risquée, car la dénonciation offre un profit certain contrairement à celui de la rébellion ; si à ce risque s’ajoute que le prince est soutenu par le peuple, aucune conjuration ne peut aboutir. Le ragioni che portarono all'abbandono dell'ideologia repubblicana indicata come la migliore nei Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio sono i seguenti: Il più delle volte gli uomini, per guadagnarsi le grazie di un Principe, sogliono fargli doni ricchi e preziosi. Le prince doit se défendre contre les attaques extérieures, pour cela il lui suffit de bonnes armes, et contre les conjurations, pour cela il lui suffit d’avoir le soutien de son peuple. Le fortezze sono quindi utili o inutili a seconda dei tempi; se ti giovano da una parte, ti possono arrecare danno dall'altra. In Machiavelli, la salvezza dello Stato è necessaria e deve essere anteposta alle personali convinzioni etiche del Principe, poiché egli non è padrone, bensì servitore dello Stato. De même, en 1762, Rousseau cite dans le Contrat social Machiavel comme celui qui a montré l'intérêt des princes à opprimer le peuple[68],[69]. Basta infatti continuare a seguire la linea politica dei predecessori e governare sapendosi adattare alle varie circostanze che si presentano. Magari è più ragionevole chiedersi quali teorie del ventesimo secolo non abbiano a che fare con Machiavelli. Non c'è paragone tra uno armato e uno disarmato. La crudeltà e la pietà: se è meglio essere amato o temuto, XVIII. Ad un Principe non è necessario avere tutte le suddette qualità, ma sembrare di averle. (es. È nel Principato nuovo che sorgono le difficoltà. I segretari che i Principi hanno al loro seguito, XXIII. Fino ad un dato momento nessuno dei due era riuscito a sopraffare l'altro. Je ne crains pas de m'entretenir avec eux, et de leur demander compte de leurs actions. 3). chap. Quel Principe che ha più timore dei popoli che dei forestieri deve edificare fortezze; al contrario nell'altro caso. In conclusione: i buoni consigli da qualsiasi persona vengano, devono nascere dalla prudenza del Principe, e non la prudenza del Principe dai buoni consigli. Ainsi, en 1807, Ugo Foscolo célèbre Machiavel dans son poème Sepulcri[73], en insistant sur le message patriotique du Prince[74] dans le contexte du Risorgimento italien[75],[76]. Il est bon pour un prince d'être généreux mais s’il l’est vraiment, il dépensera tant pour offrir des somptuosités à quelques-uns que, s’appauvrissant, il devra se rattraper par une lourde fiscalité qui le fera haïr de ses sujets ; il plaira à quelques-uns et déplaira à beaucoup ; mais une fois qu’il aura commencé ainsi, s’il veut changer de mode de vie, on lui reprochera de devenir avare. La pace è fondata sulla guerra esattamente come l'amicizia è fondata sull'uguaglianza, quindi in ambito internazionale l'unica uguaglianza possibile è l'uguale potenza bellica degli Stati. » Machiavel donne l'exemple de Ferdinand II d'Aragon (cf. Les circonstances sont réunies pour qu'un prince unifie l'Italie : il fallait qu'elle fût malheureuse pour apprécier la valeur d'un nouveau prince (cf. Gli stati possono essere di due tipi: Repubbliche o Principati. L'autore, non possedendo niente di più caro e importante della sua conoscenza della politica, si accinge[5] a fare dono a Lorenzo di Piero de' Medici di una sua breve opera, che raccoglie nelle sue pagine tutto ciò che Machiavelli ha imparato, attraverso lo studio attento e prolungato sia delle vicende antiche che di quelle a lui contemporanee: l'opuscolo De Principatibus. Non vi è alcuna esperienza tràdita dal passato che non possa essere smentita da una nuova esperienza presente; tale mancanza di scientificità spiega la mancata sottomissione di Machiavelli alla auctoritas degli antichi: reverenza ma non ossequio nei suoi confronti; gli esempi storici sono utilizzati per un'argomentazione non scientifica ma retorica. L'ouvrage, dont les chapitres coïncident avec ceux du Prince[57], est construit comme une réfutation systématique, réfutation qui a un fondement moral, Frédéric parlant de « l'effronterie avec laquelle ce politique abominable enseigne les crimes les plus affreux[58] » et attribuant au prince une responsabilité éthique[59], et à la fois politique. Il considérait sa conception de la politique comme amorale et cynique. Un Principe divenuto tale con l'aiuto dei grandi deve prima di tutto guadagnarsi il popolo, cosa facile se prende le sue precauzioni. di imperatori romani). Ma un Principe non savio non saprà correggere e usare i consigli poco carismatici del suo Ministro. Il frequente ricorso ad exempla virtutis, tratti dalla storia antica e dalla sua esperienza nella politica moderna, dimostrano che - nella sua concezione della Storia - non vi è una netta frattura tra il mondo degli antichi e quello dei moderni; Machiavelli trae così dalla lezione della storia delle leggi generali, le quali non vanno però intese come norme infallibili, valide in ogni contesto e situazione, ma come semplici tendenze orientanti l'azione del Principe, che devono sempre confrontarsi con la realtà e vanno applicate con duttilità. I Principi, e specialmente i nuovi, hanno trovato più fede in quegli uomini che al principio del Principato erano sospetti. This is an excellent, readable and vigorous translation of The Prince , but it is much more than simply a translation. », Quot sint genera principatuum et quibus modis acquirantur. La faiblesse militaire de l'Italie, qui a empêché toute unification précédente et toute victoire sur une armée étrangère, n'est pas due au peu de courage des soldats italiens, qui au contraire est très grand, mais à la faiblesse et l'insubordination des chefs. Il Principe deve fuggire tutte le cose che lo rendono odioso; ogni volta che lo farà troverà sulla sua strada nessun pericolo. Machiavel prodigue alors ses conseils. chap. Per esperienza si vedono Principi e Repubbliche ben armate fare grandi progressi e i mercenari procurare solo danni. Cette contradiction surgit à nouveau plus loin, et Machiavel se demande comment la cruauté du prince, qui en général est l’objet du mécontentement populaire, de la rébellion et de l’échec politique, peut être conciliée avec un pouvoir sans faille. Aussi, s'il faut choisir entre l'amour et la crainte, il vaut mieux être craint, car l’amour est volatil et disparaît dans l’adversité alors que la crainte subsiste tant que subsiste la menace du châtiment ; cependant, le prince doit inspirer la crainte sans inspirer la haine, c'est-à-dire qu'il ne condamnera pas ses citoyens sans motif, et surtout qu’il ne s'en prendra pas à leurs biens ni à leurs femmes. Machiavel en déduit : « Un prince bien avisé ne doit point accomplir sa promesse lorsque cet accomplissement lui serait nuisible, et que les raisons qui l’ont déterminé à promettre n’existent plus. Après un éloge de la conduite de Borgia — « il me semble qu’on peut la proposer pour modèle à tous ceux qui sont parvenus au pouvoir souverain par la faveur de la fortune et par les armes d’autrui » —, Machiavel lui reproche cependant d'avoir laissé élire Jules II pour pape et il qualifie cette erreur stratégique de « faute qui fut la cause de sa ruine totale ». Nel primo caso, il principe rappresenta l'unica e sola autorità. Potrebbe apparire strano che, dato le difficoltà che si incontrano nel mantenere un nuovo stato, alla morte di Alessandro Magno, che da poco aveva conquistato l'Asia, i nuovi territori non si ribellarono.

Luna E Stella Immagini Buongiorno, Spartiti Pianoforte De Gregori Pdf, Tv Domani Rete 4, Cosa Vedere In Trentino In Autunno, Auguri Onomastico Paola Immagini, George Best Cruyff, Spid Poste Italiane, Pinocchio Film Manfredi, Stia Con Noi Musical, Come Ci Si Innamora Scientificamente,

Lascia un commento