A Fior di Pelle nell’ incantato mondo di Annamaria Calabretti. 

di Cinzia Santoro
C’è una bottega a Martina Franca unica nel suo genere, passandoci nel cuore della Franca Martina, una donna coraggiosa ma timida e gentile ha realizzato li, in quella bottega artigiana il suo sogno.  Lei è Annamaria Calabretti, artigiana della pelle, dalle sue mani nascono scrigni eleganti e preziosi che ogni donna merita di acquistare.  Le sue borse, uniche e  personalizzate secondo il desiderio delle sue clienti, incantano e l’odore intenso della pelle ti riporta indietro negli anni l’autenticità e dell’identità artigiana, fiore all’occhiello del nostro paese.
La incontro con piacere per intervistarla e con piacere ammiro il suo luogo dell’anima…la sua bottega AFior di Pelle!Annamaria come nasce la tua bottega artigianale?
Nasce per caso …a scuola e grazie alla mia professoressa di tecnica che un giorno ci chiede un lavoro fatto con materiali naturali ed io scelsi la pelle e fu amore a prima vista.L’arte del dettaglio e il buon gusto la fanno da padrone nel realizzare le splendide borse che realizzano sogni “in pelle”. È  questa  la mission del tuo essere “artigiano “? 
Tento, ogni volta che realizzo ,di creare qualcosa di nuovo e che corrisponde ai desideri dei clienti. Il bello della realizzazione artigianale è proprio questo e mi permette di esprimere il mio saper fare.

Che tempi ci vogliono per confezionare una borsa secondo i dettami della tua bottega? 
Dipende dal periodo normalmente mi servono 20 giorni per realizzare.

Una richiesta estrosa o diversa di una cliente? 
Ogni volta è una richiesta nuova e interessante perché rispecchia perfettamente il vissuto di una persona. La  richiesta piu’ particolare é  stata quella di una borsa che  doveva avere intagliati i simboli della religione ebraica e la richiesta mi fu fatta in concomitanza con la giornata della memoria…molto coinvolgente realizzarla…

Sei soddisfatta del tuo iter professionale A Fior Di Pelle? 
Certo, nonostante le tante difficoltà che un artigiano deve affrontare io vado avanti e con sentimento positivo.

Ci sono giovani interessati a proseguire il tuo cammino? 
Questo è un tasto dolente e complicato ,non è facile in questo periodo storico, i ragazzi non sono aiutati da nessuno nelle scelte della vita e quindi sono pochi quelli che scelgono la più particolare e difficile come quella di imparare un mestiere .. spero che le cose cambino.

Progetti per il futuro? 
I miei progetti per il futuro????Lavorare finché riesco con le mie forze  e poi chissà se  un giorno il mio essere artigiana non possa servire a qualche giovane volenteroso….essere artigiani non è facile ma diventarlo è meraviglioso!

7 giugno 2018

Lascia un commento