ROMA- Scontri violenti a tra polizia e ristoratori. Il disastro economico esige l’accellerare i tempi per i vaccini

di Anna Gomes

Stamattina a Roma c’è stata una manifestazione di protesta, abbastanza violenta, da parte di ristoratori e commercianti che si ribellano di fronte alle chiusure forzate per il lockdown. Numerosi gli interventi da parte delle forze dell’ordine.

Esigono i ristori, che purtroppo non arrivano ancora. Esasperati da una crisi che dura ormai da più di un anno, sono arrivati alla canna del gas.

Certo, la violenza è sempre da condannare, ma bisognerebbe accontentarli subito sui ristori perché, come insegna la storia, violenza genera violenza ed il popolo è davvero stanco.
Intanto Pasqua e Pasquetta sono trascorse  tristi e silenziose per migliaia di Italiani, con parchi e giardini sbarrati e negozi chiusi.
Si spera altresì in un accellerazione del piano vaccinale che tarda a soddisfare tutti gli Italiani.
Fortunatamente stanno arrivando centinaia di migliaia di vaccini Pfizer, che sembrerebbero essere più sicuri dell’Astrazeneca che invece ha causato persino decessi.
Sicuramente il periodo che stiamo attraversando, è il più difficile dal dopoguerra in poi, tra l’altro questa terribile pandemia ha piegato un pò tutti, provati psicologicamente, soprattutto i bambini e gli adolescenti costretti alla Dad in casa, con lezioni in presenza a singhiozzo, gli anziani spesso soli ed abbandonati e gli adulti rassegnati a nuove vite di isolamento e solitudine.
Ma quasi sempre dopo le nuvole c’è il sole.
06 aprile 2021

Lascia un commento