Bambina di 10 anni uccisa dal TIK TOK. Abbaticchio: “non e’ colpa di Tik Tok ma e’ colpa di tutti.” 

di Anna Gomes

Sembrerebbe il ticchettio innocuo di un orologio (magari a pendolo), ed invece e’ un gioco letale su Internet,  in voga tra i ragazzini nella nostra società (ormai pericolosa!).

Si tratta quindi di una prova estrema finita su TIK TOK e di un allarme sociale che ci deve mettere assolutamente in allerta!
Fortunatamente ci sono persone che si interessano direttamente a queste problematiche, come Don Fortunato Di Noto, Presidente e fondatore dell’Associazione Meter Onlus, personalità internazionale da sempre in prima linea contro gli abusi in Internet.
“Questa volta i socialnetwork si sono insinuati dentro la vita personale, nelle nostre abitudini, ed utilizzare così massicciamente i nostri dati personali.
La cessione della nostra identità e quindi la conseguente manipolazione individuale, per fini spesso a noi sconosciuti, ci porta ad una povertà assoluta.”
bimba di 10 anni suicida con tik tok
Antonella , la bimba di 10 anni, suicida con Tik Tok

“Con la nostra Associazione stiamo operando con l’informazione e formazione. Incontriamo

le scuole ed i docenti. Anche via Webinar. Vi invito a consultare il nostro sito: www.associazionemeter.org“.
“La colpa è di tutti noi”, è questo il commento di Ludovico Abbaticchio, garante dei diritti dell ‘Infanzia ed adolescenza -Regione Puglia, sulla tragica fine della bambina morta eseguendo una prova estrema su Tik Tok.
“Non diamo la colpa solo ai social, ai genitori, alla scuola, agli amici del cuore che attraverso questi strumenti, spesso diseducativi e pericolosissimi, intrappolano e non fanno crescere una generazione troppo lontana dal mondo cosiddetto mondo ‘sano’ degli adulti” prosegue Abbaticchio.
“Quando una bambina di 10 anni, si stringe al collo una cintura, non e’ colpa di Tik Tok ma e’ colpa di tutti.” “L’assenza di amore ed attenzione verso i giovani, prima della famiglia e poi delle istituzioni,  e’ cosa inaccettabile.” conclude.
Adesso aspettiamo che la Magistratura faccia chiarezza quanto prima su questa delicata faccenda.
25 gennaio 2021

One thought on “Bambina di 10 anni uccisa dal TIK TOK. Abbaticchio: “non e’ colpa di Tik Tok ma e’ colpa di tutti.” 

  1. Tik Tok possiede un algoritmo che consente anche a chi ha pochi followers di generare milioni di views per un video efficace. Tik Tok Italia ha incrementato il suo budget pubblicitario del 350% in un anno, alla stessa si rivolge anche la casa di moda Fendi. Il capitalismo si appropria di tutti gli strumenti per incrementare i profitti, le imprese pubblicizzano la loro merce su qualunque canale di propaganda. Gli specialisti, tipo Nelsen, analizzano la durata del messaggio, chi osserva, il loro grado sociale, istruzione, ecc. Tik Tok è utilizzato dai giovani. Norma Celletti. di anni 28, che si firma Norma’s Teaching, ha 400.000 followers. Insegna inglese. E’ un esempio di ragazza che si è fatta da sè, ed è seguita da altri ragazzi. Lo strumento, pur se asservito al mondo delle imprese, non è negativo. Non si può censurare. possono succedere anche cose brutte, come quello della ragazzina di 10 anni. Anche io quando ero giovanissimo mi sfidavo salendo sull’albero più alto o scendendo nelle grotte di cui sono piene le murge, senza dire niente a nessuno, altrimenti i genitori mi chiudevano in casa. Erano bravate autoreferenziali. Adesso vanno diffuse, devono carpire l’attenzione di molti followers, con le sfide più assurde. Da bambini la madre insegna che non si beve la varechina, o che non si scherza col fuoco, così qualcuno dovrà spiegare che gli strumenti digitali vanno trattati come se fossero diavoli, e non solo potenti meccanismi di crescita. Per la pubblicità consiglio MacLuhan (La cultura come business) oppure Noam Chomsky (la fabbrica del consenso). Tik Tok è un prodotto cinese, ma in quel substrato autoritario non poteva certamente emergere. Forse fa parte dei nuovi strumenti della guerra fredda tra occidente e oriente, per inquinare la nostra società, a partire dai più vulnerabili, cioè dai giovani?

Lascia un commento