La produzione teatrale “TRAPPOLA PER TOPI” fa decollare il Cielo di Carta in semifinale per il Premio Tuttoteatro.com

Avrebbe dovuto debuttare la scorsa primavera “Trappola per Topi”, la nuova produzione teatrale de Il Cielo di Carta, realtà tranese diretta da Annamaria Di Pinto. Invece, lo spettacolo ha visto slittare una seconda volta la sua prima nazionale, già rinviata da aprile a questo novembre.

Ma, in uno scenario fatto solo di rinvii per il mondo del teatro, giunge da Roma in questi giorni una buona notizia per la compagnia teatrale pugliese. Il trailer di “Trappola per Topi”, girato dal giovane videomaker bitontino Giuseppe Chirico, fa volare il Cielo di Carta in semifinale per la seconda edizione del Premio Tuttoteatro.com Miglior Teaser. Una manifestazione, ideata e diretta da Mariateresa Surianello, è realizzata con il contributo della Regione Lazio – Direzione Regionale Cultura e Politiche Giovanili, e il patrocinio del Comune di Ronciglione.

Il Cielo di Carta è, infatti, tra le venti compagnie selezionate da tutta Italia da una giuria, composta da Federico Betta (coordinatore), Fiorenza MenniMarina PellandaLeopoldo Santovincenzo, Claudia Sorace che giovedì 19 a partire dalle 18.30 vedrà proiettare il proprio trailer in diretta streaming sul sito www.tuttoteatro.com. L’Associazione Tuttoteatro.com ha deciso, infatti, di programmare online la presentazione delle opere selezionate, tra cui il trailer di “Trappola per Topi”, per la tappa semifinale della seconda edizione del Premio Tuttoteatro.com Miglior Teaser.

Tra questi venti video la giuria selezionerà tre teaser finalisti, che saranno proiettati al Teatro India il 13 dicembre, dove sarà decretato il vincitore, che riceverà l’opera “Folla” di Massimo Staich, tavoletta con foglia d’oro zecchino, in copia unica, e un premio di 500 euro, quale contributo alla distribuzione.

Un traguardo che rappresenterebbe per la compagnia pugliese quella luce in fondo al tunnel attesa da mesi. <<Dopo tanta fatica e un mancato debutto, è un modo alternativo per godersi una soddisfazione>>, dichiara Annamaria Di Pinto, regista dello spettacolo “Trappola per Topi”.

Una scena pensata come uno spazio onirico, senza tempo e ristretto. Non vi è l’ambientazione naturalistica e borghese di un salotto ma uno spazio total white che ingoia i protagonisti come in quadro, in un meccanismo ad orologeria dove tutte le azioni sono studiate e programmate e danno una veste ad una storia di relazioni di coppia dinamiche e delittuose di tipo contemporaneo ma dal sapore antico.

Questa la scena mostrata nel trailer dello spettacolo che vede protagonisti gli attori Carmen Centrone e Luigi La Forgia, sullo sfondo di una drammaturgia musicale a cura di Attanasio Finiguerra.

“TRAPPOLA PER TOPI” Regia, adattamento e spazio di ANNAMARIA DI PINTO Drammaturgia musicale di Attanasio Finiguerra Con Carmen Centrone e Luigi La Forgia Trailer a cura di Giuseppe Chirico Una scena pensata come uno spazio onirico, senza tempo e ristretto. Non vi è l’ambientazione naturalistica e borghese di un salotto ma viene sperimentato uno spazio total white che ingoia i protagonisti come in quadro, in un meccanismo ad orologeria dove tutte le azioni sono studiate e programmate e danno una veste ad una storia di relazioni di coppia dinamiche e delittuose di tipo contemporaneo ma dal sapore antico. Infatti “Trappola per topi” non è altro che la madre di tutti i gialli, i crimini ed i delitti in quanto è il nome della messa in scena di teatro nel teatro che compie Amleto per smascherare l’assassinio del padre e da questa fonte originaria e ancestrale si sviluppa l’idea. La manipolazione che i personaggi compiono su se stessi e sull’altro ricordano un carillon che muove verso una violenta dissacrazione della coppia. Forse non è possibile salvarsi, forse è solo possibile adeguarsi…Un misterioso incidente. Lui chi è? E chi è sua moglie? Com’era la loro vita di coppia? E se qualcuno mentisse?
18 novembre 2020

Lascia un commento