Riprendono i voli in Europa dopo il lockdown

di Anna Gomes

 violi-aeriDa oggi, 15 giugno, si ritorna a volare in Europa: dalla Grecia all’Austria, regole e quarantena.

Ecco che cosa accade:
Grecia: tutti i turisti provenienti da Italia,Spagna Olanda dovranno sottoporsi al test per il COVID-19 al loro arrivo, mentre restano bloccati i voli dalla Gran Bretagna.
Fino al 30 giugno, tutti i passeggeri da Italia e Spagna potranno volare solo su Atene, mentre il blocco per la Gran Bretagna scade il 1 luglio.
Comunque qualsiasi passeggero positivo al Corona virus, dovrà mettersi in quarantena per 14 giorni in un hotel a spese del Governo.
La Svizzera riapre le frontiere con tutti gli Stati membri dell’Ue e col Regno Unito.
Ogni paese stabilisce le proprie regole d’ingresso.
La Spagna riapre le frontiere solo dal 1 luglio.
La Svezia non pone limitazioni per tutti i paesi dell’Ue e Schenghen.
Il Regno unito invece ha adottato misure piu’ drastiche gia’ dall’8 giugno,un isolamento domiciliare di 14 giorni, per chi proviene dall’estero.

L’Austria sblocca le frontiere con l’Italia da domani, 16 giugno, con invito alla cautela su viaggi in Lombardia.

Berlino ha comunicato che dal 16 giugno,non si effettueranno piu’ controlli dei cittadini Ue ai confini, ad eccezione della Spagna per la quale,rimarrano validi fino al 21 giugno.
La Turchia impone la quarantena di 14 gg per tutti gli stranieri provenienti dall’estero, ma si va verso l’apertura delle frontiere senza obbligo di quarantena, per non scoraggiare il turismo.
Quindi gli aerei possono riempirsi di nuovo, sempre misurando la temperatura dei passeggeri prima dell’imbarco e rispettando le misure di distanziamento necessarie.
15 giugno 2020

 

Lascia un commento