Dantedì: Il 25 marzo 2020 per la prima volta si è celebrato il sommo poeta padre della nostra lingua

Il 25 marzo è iniziato il viaggio ultraterreno di Dante: in questo giorno lo scrittore inizia la sua discesa all’Inferno.

di Anna Gomes

Dario Franceschini

“E quindi uscimmo a riveder le stelle…” con questo tweet , il ministro del turismo e beni culturali, Franceschini apre le giornate dedicate a Dante Alighieri. Il Dantedì, è la giornata dedicata a Dante dal governo a partire da Gennaio.

Ancora una volta la cultura da un  po’ di luce  in questo periodo buio in cui è precipitata l’Italia dopo l’emergenza Coronavirus.
Tantissime le persone che ieri sui social  hanno letto i versi della Divina Commedia.
“Dante è la nostra lingua, è l’idea stessa di Italia. E in questi giorni abbiamo bisogno di tenerla viva!” annuncia il Ministro.

Tra l’altro è un ottima opportunità per i giovani di avvicinarsi ai versi di Dante Alighieri, a volte troppo trascurato!

Proprio ieri, l’Opera di Santa Croce e l’Opera di Santa Maria del Fiore di Firenze (città natale del grande poeta) hanno annunciato di essere al lavoro insieme per preparare le iniziative legate al 700/0 anniversario della morte di Dante nel 2021.

L’appello del Dantedì è stato un successo anche fuori dall’Italia ed è arrivato fino al Cairo tramite Facebook.

25 marzo 2020

Lascia un commento