Tre parole inglesi usate dai soliti opinionisti  in ogni dibattito. Affiora la nostalgia per il “sole-cuore-amore ” tormentone di Valeria Rossi

 

di Romolo Ricapito 

Social, talent, reality: tre parole ormai diventate di uso comune e usatissime qualora, accendendo il televisore, capiti di assistere a un qualunque dibattito.

Arriva improvviso però un senso di fredda vertigine e poi mi chiedo: ma cosa c’entrano questi termini inglesi in fatti della società italiana coi quali non hanno  nemmeno lontanamente un’attinenza?’
Evidentemente questo abuso di parole straniere è una forma sottile di captatio benevolentiae  per volere catturare l’attenzione dei più giovani,che sono i più facili fruitori di queste terminologie.
Va detto che le tre parole (mi viene in mente una vecchia canzone,”dammi tre  parole, sole cuore e amore”, ma in questo contesto me ne viene in mentre una soltanto; “basta”!)   non sono “negative”, ma positive.
Social indica forme di socializzazione a  vari livelli, talent uno spettacolo televisivo dal quale dovrebbero emergere nuovi talenti musicali, reality infine rimanda a uno spettacolo fatto con persone vere che interagiscono tra loro in uno spazio ristretto senza essersi mai incontrate prima,
E allora?Spegniamo la televisione quando ascoltiamo i soliti “esperti”concionare con grande povertà di linguaggio riguardo temi importanti usando abusate stra-abusate e fuori luogo .

Lascia un commento