Miss Italia: Un grande pastrocchio di esibizioni ridicole. Prendiamola come una opportunità per trovare un lavoro…

di Clelia Conte

 

Non mi dite che siccome sia tornato in Rai, lo spettacolo di Miss Italia abbia acquisito prestigio! E’ sempre più offensivo vedere come queste povere fanciulle siano meccanizzate dai burrattinai per far vedere che sono intelligenti e che oltre le gambe ci sia di più! Bene impostato Alessandro Greco ma, pietà! In tre punti diversi del programma, cambiando canale tra un film ed un dibattito, ho assistito alla prova ginnica delle concorrenti: ognuna andava per i fatti suoi! Secondo cambio di canale, il balletto più scoordinato e rigido al quale abbia mai assistito. Infine mi è capitato di guardare il momento nel quale alcune ragazze scendevano dalle scale avanzando verso il pubblico e cercavano di acquisire delle espressioni tutt’altro che spontanee.

Carolina Stramare

 

Per non parlare poi del momento nel quale hanno fatto le interviste a Milli Carlucci che, nonostante i suoi anni, col suo fascino le ha fatte scomparire tutte!

La Lollobrigida al centro della giuria sembrava in cuor suo chiedere pietà. Peppino di Capri e Leali hanno intonato canzoni per le miss storiche.

E’ la scusa per ripetere uno spettacolo che oramai non ha nulla di nuovo da far vedere. Cotto e ricotto, tra scandali e scontenti mette in ridicolo le ragazze scoordinate nei movimenti e forzatamente parlanti. Sembra l’evento tv fatto per i cretini e poiché di cretini ce ne sono tanti conviene farlo. Speriamo facciano presto Mister Italia in Rai così le opportunità cresceranno anche per i maschietti. 

La miss eletta, Carolina Stramare, è troppo alta, un donnone con un aspetto algido dagli occhi di ghiaccio e le gambe lunghe ma non proprio belle, preferivo la seconda classificata: più vivace e più intrigante oltre che fisicamente graziosa. La terza l’avrei scartata!

Carolina Stramare, al centro, miss eleganza Lombardia è troppo alta e con un aspetto algido dagli occhi di ghiaccio e le gambe non proprio belle. 
7 settembre 2019

Lascia un commento