Primo sbarco sulla Luna, tra attualità, progetti, libri e teorie sul “mai avvenuto”

 

di Romolo Ricapito

sbarco sulla Luna 1969La rassegna pugliese dell’editoria Il Libro Possibile  che partirà a luglio a Polignano a Mare  è dedicata al cinquantenario dal primo  sbarco sulla Luna.

Tale argomento è descritto anche da Bruno Vespa nel suo nuovo saggio.
Ma quello sbarco affascina ancora e soprattutto chi?
I giovani, disincantati a tutto, forse non sono realmente interessati  a ciò mentre i meno giovani sì, ovvero quelli che del  lontano 1969 possono dire “io c’ero” con la gioia di testimoni e anche reduci di un’epoca trionfale di speranze raggiunte e condivise.
Nell’era dei social la luna resta un “pianeta” sconosciuto, nonostante il progetto degli scienziati di farci tornare l’essere umano per una passeggiata o magari, tra qualche centinaio d’anni, per viverci.sbarco sulla Luna 1969
Ma esistono anche le idee degli scettici: ancora prima di coloro che credono adesso che la terra sia piatta, c’è una cultura che parte dalla seconda metà degli anni Settanta e ritiene lo sbarco sulla luna e i successivi “mai avvenuti”, frutto di abili fotomontaggi o messinscene elaborati in studi cinematografici all’avanguardia.
Nonostante ciò è giusto che la luna, che ha sempre ispirato poeti e letterati sia tra i “protagonisti” di una rassegna letteraria, nella speranza che i libri non divengano un oggetto di consumo superfluo e superato, ma una realtà costante per nuovi possibili lettori, magari quelli  nati dopo quel fatidico 1969.
8 giugno 2019

Lascia un commento