Cinema- Arriva “LO SPIETATO” film girato in Puglia con Riccardo Scamarcio

ARRIVA NELLE SALE PER POI PASSARE SU NETFLIX “LO SPIETATO” DI RENATO DE MARIA, CON RICCARDO SCAMARCIO, SARA SERRAIOCCO E CON MARIE-ANGE CASTA, ALESSANDRO TEDESCHI, ALESSIO PRATICO’ E IGNAZIO OLIVA.

IL FILM SARA’ NELLE SALE PER TRE GIORNI, DA LUNEDI’ 8 A MERCOLEDI’ 10 APRILE, PER POI PASSARE DA VENERDI’ 19 APRILE SU NETFLIX. GIRATO IN PUGLIA TRA NOVEMBRE E DICEMBRE 2018 NELLE CITTA’ DI BARI, FOGGIA, ACCADIA (IN PROVINCIA DI FOGGIA), E MARGHERITA DI SAVOIA (BAT PROVINCIA), “LO SPIETATO” È PRODOTTO DA ANGELO BARBAGALLO PER BIBI FILM E RAI CINEMA ED È STATO REALIZZATO COL SOSTEGNO DELL’APULIA FILM FUND DI REGIONE PUGLIA E IL SOSTEGNO DI APULIA FILM COMMISSION.  

È un film che punta a raccontare una storia vera: la vicenda di un gangster che, negli Anni ‘80, dalla Calabria parte alla conquista di Milano. È “Lo spietato” di Renato De Maria che per tre giorni, da lunedì 8 a mercoledì 10 aprile, sarà nelle sale cinematografiche. Da venerdì 19 aprile, invece, il lungometraggio sarà possibile vederlo su Netflix. Girato in Puglia per un mese (novembre – dicembre 2018) tra Bari, Foggia, Accadia (in provincia di Foggia) e Margherita di Savoia (BAT provincia), il film è interpretato da Riccardo Scamarcio e Sara Serraiocco e conMarie-Ange CastaAlessandro Tedeschi, Alessio Pratico’ e Ignazio Oliva.

“È una specie di commistione di diversi generi cinematografici, una storia di gangster, ma anche una comedy e un racconto del sociale nella Milano del boom economico degli ‘80 -commenta il regista Renato De Maria-. L’abbiamo definita, appunto, una gangster –comedy: è un racconto cinematografico puro. Il protagonista, così come i due dei miei precedenti “Paz” e “Vita oscena”, vive una sorta inadeguatezza nella società in cui vive, anche se in un modo diverso. Certa di vivere in I classe, anche se quando è nato gli hanno assegnato un biglietto di II classe. Vive in un posto che non gli è stato assegnato dal destino, quindi dell’alta società milanese ha l’ambizione di essere un imprenditore”.

Tra il regista Renato De Maria e l’attore e produttore pugliese Riccardo Scamarcio, c’ è un sodalizio artistico che li lega a diversi film. “Con De Maria in questi ultimi anni, abbiamo sempre lavorato insieme – precisa Scamarcio-. De Maria mi ha permesso di confrontarmi con un certo tipo di cinema, quello a lui più congeniale che tasta il genere e l’analisi sociale. Nel personaggio “Lo spietato”, pur essendo un calabrese emigrato a Milano e vissuto nelle sue periferie, c’è una voglia di emanciparsi e di vivere un’ascesa nel mondo capitalistico. Il film, comunque, si muove su due fronti: da una parte il genere cinematografico gangster, dall’altra raccontiamo la società di quel periodo, ma con grande ironia”.

Scritto da Renato De MariaValentina Strada e Federico Gnesini, il film è prodotto da Angelo Barbagallo per BIBI Film con Rai Cinema e con il contributo di Apulia Film Fund della Regione Puglia (430.151,50 euro) a valere su risorse del POR Puglia 2014/2020 e con il sostegno diApulia Film Commission. Per la realizzazione del film sono stati impiegati 34 unità lavorative pugliesi.

6 aprile 2019

Lascia un commento