Festival del Cinema Europeo- La commedia europea e la nuova commedia italiana

CINQUE LUNGOMETRAGGI EUROPEI IN ANTEPRIMA .                                             ULIVO D’ARGENTO A NINO FRASSICA, PAOLA MINACCIONI, ALESSANDRO SIANI 

XX FCE_Nino Frassica_Nuova Commedia Italiana

Il Festival del Cinema Europeo, diretto da Alberto La Monica, a Lecce dall’8 al 13 aprile al Multisala Massimo, propone una sezione non competitiva dedicata alla Commedia europea e alla Nuova Commedia Italiana, con cinque lungometraggi europei in anteprima e proiezioni e incontri con i tre ospiti italiani di questa edizione: Nino FrassicaPaola MinaccioniAlessandro Siani.

 Da alcuni anni il Festival di Lecce si propone di portare avanti una riflessione sulla commedia europea e italiana insieme ad artisti, produttori, sceneggiatori e giornalisti.

Tra gli ospiti delle passate edizioni Claudio Bisio, Francesco Bruni, Edoardo Leo, Riccardo Milani, Luca Miniero, Neri Parenti, Ilenia Pastorelli, Maria Sole Tognazzi, Carlo Verdone.

Negli ultimi quattro anni, con una sezione dedicata alla Commedia Europea e tre edizioni degli “Stati Generali della Commedia Italiana”, curate da Marco Giusti, è stato fatto il punto sulle tendenze del genere, sull’evoluzione web della comicità e sull’emergere del ruolo femminile.

XX FCE_Alessandro Siani_Nuova Commedia Italiana
Set del film “Mister Felicità” di Alessandro Siani.
Nella foto Alessandro Siani.
foto di Gianni Fiorito

Nel ventesimo anniversario, il Festival salentino allarga il proprio sguardo, rivolgendolo anche ai personaggi particolarmente rappresentativi del genere. Quest’anno sono ospiti a Lecce Nino Frassica, Paola Minaccioni e Alessandro Siani, che riceveranno l’Ulivo d’Argento per il loro contributo alla Nuova Commedia Italiana.

I tre artisti incontrano gli studenti al mattino e il pubblico leccese in appuntamenti pomeridiani moderati da Valerio Caprara, Marco Giusti, Enrico Magrelli.

Martedì 9 aprile è la giornata dedicata a Paola Minaccioni con la proiezione di Allacciate le cinture di Ferzan Ozpetek (Italia, 2014); venerdì 12 aprile sarà ospite Alessandro Siani con proiezione di Il principe abusivo di Alessandro Siani (Italia, 2013); sabato 13 aprile è la volta di Nino Frassica con la proiezione di Il Bi e il Ba di Maurizio Nichetti (Italia, 1986).

XX FCE_Paola Minaccioni_Nuova Commedia Italian- Francesca Lucidi

Cinque film in anteprima per la Commedia Europea

Butterflies di Tolga Karaçelik (Turchia, 2018). Tre fratelli ritornano dopo 30 anni nel loro villaggio, su richiesta del padre, appena morto, che nel suo testamento ha chiesto di essere sepolto solo quando le farfalle arriveranno nel villaggio per morire. I tre fratelli, che non si conoscono, saranno costretti a restare nel villaggio ad aspettare che il tempo scorra. Il percorso di reciproca conoscenza e di riscoperta del padre sarà un’occasione per conoscere meglio anche se stessi.

Happier times, Grump di Tiina Lymi (Finlandia, 2018) racconta la volontà di uno scontroso anziano che vuole morire, perché ha fatto tutto quello che doveva e la sua vita non ha più senso. Ma proprio quando la sua bara è ormai pronta, una nuova vita bussa alla sua porta…

Hopelessly devout di Marta Díaz de Lope Díaz (Spagna, 2018). Carmen, devota cattolica di Malaga, sta per essere eletta a capo della locale confraternita religiosa, ma tutto va in fumo quando le viene preferito il suo peggior rivale. La vita però ci sorprende sempre e quella che all’inizio sembra una situazione terribile, potrebbe trasformarsi in un’opportunità per Carmen di realizzare il suo sogno.

I feel good di Benoît Delépine, Gustave Kervern (Francia, 2018). Monique dirige una comunità Emmaus nei pressi di Pau, nel Sud della Francia dove, dopo diversi anni, ritorna suo fratello Jacques, un buono a nulla con un’unica ossessione: trovare l’idea che lo renderà ricco. Più che una rimpatriata di famiglia, sarà lo scontro tra due visioni del mondo.

What Have We Done to Deserve Thisdi Eva Spreitzhofer (Austria, 2018) è la storia di Wanda, viennese, femminista e atea, che vede avverarsi il suo peggior incubo quando la figlia adolescente decide di convertirsi all’Islam e indossare il velo. Wanda vede il suo mondo capovolgersi; ma riesce a trovare un sostegno in Hanife – madre di un’amica della figlia – arrivata in Austria 35 anni prima insieme ai genitori per sottrarsi all’antiquata usanza che impone alle donne di coprirsi i capelli…

 Il Festival del Cinema Europeo, ideato e organizzato dall’Associazione Culturale “Art Promotion”, è prodotto dalla Fondazione Apulia Film Commission e dalla Regione Puglia con risorse del Patto per la Puglia (FSC).

Si avvale inoltre del sostegno del Comune di Lecce e del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo-Direzione Generale Cinema.

Il Festival del Cinema Europeo, riconosciuto dal MIBAC “manifestazione d’interesse nazionale”, è membro dell’Associazione Festival Italiani di Cinema, si pregia del Patrocinio del Parlamento Europeo e della collaborazione del Centro Sperimentale di Cinematografia, del S.N.G.C.I., della FIPRESCI, del S.N.C.C.I., del Centro Nazionale del Cortometraggio, dell’Agiscuola.

 Media partner: Rai Radio3, Cinecittà News, Cineuropa, FRED Film Radio

 Technical partner: Rai Cinema Channel, Augustus Color, Passo Uno, futuroRemoto Gioielli

23 marzo 2019

Lascia un commento