E’ stato presentato oggi pomeriggio da Laterza, il romanzo “Chiamami sottovoce” di Nicoletta Bortolotti (HarperCollins)

Anna Gomesdi Anna Gomes

Nicoletta Bortolotti è svizzera e vive in provincia di Milano.

E’una stimata autrice di romanzi per ragazzi. Lavora come redattrice, copy editor e ghost writer.

Ha dialogato con l’autrice Annamaria Minunno.

Siamo negli anni ’70 e Nicole ha circa otto anni,  un ‘eta’ in bilico tra favole e realtà ma sopratutto ha un segreto nel cuore. Nessuno lo sa tranne lei, ma accanto alla sua casa vive Michele, che di anni ne ha nove ed in Svizzera non può stare. E’ un bambino proibito. Ha oltrepassato la frontiera chiuso in un bagagliaio di una Fiat 131, disegnando con la fantasia montagne innevate.
Adesso vive in una soffitta e come uniche compagne ha le sue paure e qualche matita per colorare.
Nicole e Michele stringono un’amicizia fatta di passeggiate furtive nel bosco in cerca di stelle.
Ad un certo punto, le tracce di Michele si perdono nel tempo.
Da quel momento, Nicole porta dentro di se’ una colpa inconfessabile.Una colpa che l’ha rinchiusa in un presente sospeso, ma adesso è arrivato il momento della verità.
Questa e’ la storia di un ‘amicizia interrotta e di un segreto mai svelato.
“Chiamami sottovoce” è un romanzo potente su un episodio dimenticato del nostro passato recente.
Perché c’è chi semina odio, ma anche chi rischia la propria libertà per aiutare gli indifesi.
26 febbraio 2019

Lascia un commento