Il Personaggio: Mimmo Campo cabarettista e attore si racconta 

di Clelia Conte

Mimmo Campo

E’ venuto a trovarmi con la sua compagna, Anna, per rilasciarmi un’intervista. Mimmo Campo, interessante personaggio proveniente dal primo paese dell’area ionica di Taranto: San Giorgio Ionico. Popolare nel suo versante ma seriamente propenso a tracciare un passo decisivo verso il cinema.

Chi è Mimmo Campo? Mi colpisce la tua modestia!

Sapessi com’ero quando avevo pochi anni: un ragazzino bulletto che si faceva fare i compiti dai compagni!

E poi cosa ti ha cambiato?

La vita!

Mimmo Campo nei panni di un personaggio al teatro

Raccontami…

Sono entrato in Marina ed ho fatto il corso per sottufficiali. Fin lì tutto bene ma quando mi hanno chiesto di imbarcarmi per il Golfo Persico, mi sono rifiutato e sono stato punito. Mi hanno mandato a Maricentro per 4 mesi ed altri in una caserma punitiva a Brindisi.

Quindi poi cosa è successo?

Che mi sono congedato e poi sono partito per Reggio Emilia per lavorare nell’edilizia. Mi sono messo anche in proprio con 40 operai ma dopo una truffa clamorosa ho sistemato tutto pagando gli operai  e sono rientrato in Puglia a San Giorgio Ionico continuando a lavorare sempre nello stesso campo. Nel ’91 mi sono sposato, ho avuto 3 figli e a 23 anni ero già padre. Quando sono tornato era il 2008.

Mimmo Campo

Si ma adiamo alla tua passione per lo spettacolo e la recitazione.

Ci stavo arrivando…

Mia cugina mi fece una sorpresa oganizzandomi una festa di compleanno dove c’era come ospite Barbara Biase dei Mudù (compagnia che produce per Tele Norba) e da quel giorno siamo diventati amici fino a provare delle scene assieme. Correva l’anno 2013 e così facendo Barbara mi ha insegnato a fare cabaret. Mi faceva vestire da madonna ed ero veramente ridicolo! Assieme abbiamo riempito piazze e locali.

Mimmo Campo con LI MALALENGA

Ma tu mi pare che abbia lavorato in proprio.

Si certo in seguito si, ho avuto l’occasione di fare degli spettacoli da solista in svariati comuni divenendo popolare.

Hai fatto del teatro?

Si certamente, ho fatto parte della compagnia teatrale “Li Malalenga” tradotto dal dialetto “le Malelingue” e sono arrivato con soddisfazione ad essere protagonista delle commedie grazie al mio maestro Ciro Ante. Nel frattempo ho continuato sempre a fare del cabaret.

E poi hai iniziato col cinema?

Ho fatto il casting per “Quo Vado” con Checco Zalone,  è stata una

Mimmo Campo con Checco Zalone

bella esperienza e Checco è una persona davvero intraprendente e straordinaria. Ho avuto anche la gioia di partecipare al film prodotto a Taranto da  Michael Bay con un amabile Manuel Garcia, dal titolo “Sx Underground”. In quei giorni la città era paralizzata e sembrava un sogno. Noi in Puglia abbiamo dei posti e delle città caratteristiche e fuori dal comune: un paradiso vero e proprio per il cinema e poi, diciamolo, la nostra regione ha sfornato tanti grandi e veri artisti a cominciare da Rodolfo Valentino di Castellaneta, Modugno, di Polignano a Mare, Al Bano Carrisi e i Negramaro, entrambi salentini e tanti, tanti altri…

Ti interrompo. Vorresti una carriera nel cinema ma come pensi di svoltare?

Mimmo Campo tra Michael Bay e Manuel Garcia

Con la caparbietà ed il lavoro costante. Intanto ho iniziato a fare un corso di recitazione teatrale per perfezionarmi e questo grazie all’attrice Cinzia Clemente di Altamura. Per ora continuo a lavorare nel settore edile in attesa che arrivi una notizia che mi permetta di realizzare la mia passione.

25 gennaio 2019

 

One thought on “Il Personaggio: Mimmo Campo cabarettista e attore si racconta 

  1. Complimenti Mimmo, bella testimonianza di passione e tenacia. In bocca al lupo per il tuo lavoro e per la tua vita privata. Con Anna siete una coppia straordinaria

Lascia un commento