La Befana vien di notte: perché Paola Cortellesi è la regina degli incassi del 2019

Stefano Fresi e Paola cortellesi in una scena del film

Romolo Ricapito

di Romolo Ricapito

Paola Cortellesi travestita da Befana nel film diretto da Michele Soavi

La Befana vien di notte diretto da Michele Soavi, sceneggiato da Nicola Guagnanone, prodotto da Andrea Occhipinti e interpretato da Paola Cortellesi va considerata, a pieno titolo, la pellicola-novità della stagione 2018-2019.

Paola Cortellesi, maestra nel film si trasforma in Befana dopo la mezzanotte.

Innanzitutto per la sorpresa degli incassi: uscita il 27 dicembre è partita subito al secondo posto, dopo Il Ritorno di Mary Poppins, posizionandosi al primo assoluto il 30 e 31 dicembre.

E il 1 gennaio 2019 ha incassato più di 900 mila euro, come aveva fatto già il 30 dicembre.
Il merito va a un’intelligente produzione che spazia dal fantasy alla commedia, toccando punte horror (fatto che è stato criticato da qualcuno) e che si pensava diretta quasi esclusivamente  a un pubblico di bambini.
Il vastissimo consenso però raccoglie in tutte le fasce d’età : molti gli adulti e gli anziani, ma anche i giovani.
La Befana vien di notte, regia di Michele Soavi, direttore della fotografia Nicola Pecorini;
con Paola Cortellesi (Befana) e Stefano Fresi (Mr Johnny).
2017-2018

E così un film che era stato poco pubblicizzato prima della sua uscita, girato dallo scorso gennaio fino al febbraio del 2018, ovvero in un paio di mesi,  ha sovvertito ogni standard e relegato la coppia Boldi-De Sica al settimo posto  (dati 1-1-2019) ma i due comici  erano già scesi al quinto il giorno prima con “Amici Come Prima”.

Ad affascinare  sono i panorami delle Dolomiti, del Sud Tirolo, dell’Alpe di Siusi mentre la casa della Befana è una magione medievale che si trova a Castelletto del Lago di Monticolo.
L’attore Stefano Fresi (Mr Johnny) durante la lavorazione del film “La Befana vien di notte”.

Paola Cortellesi è la nuova icona cinematografica dopo la “classica” Mary Poppins.

La classifica del box office post natalizia ha  decretato che le eroine fantastiche sono  quelle che fanno sognare di più, al pari del mito di Freddie Mercury che regge ancora dopo settimane di programmazione di Bohemian Rhapsody.
Gli incassi segnano complessivamente un più 5%, rispetto all’anno scorso, una bella risposta a chi lamenta in continuazione la crisi del cinema e le  sale semivuote.
Gli attori Paola Cortellesi (Befana)

Il personaggio di Paola (che è il nome della maestra-Befana, oltre che quello  della Cortellesi) è un concentrato di antico e moderno.

Vengono attivate le tematiche delle donne single, per scelta o per forza, assieme a un altro tema importante : quello del bullismo, che coinvolge i bambini-interpreti.
E’ esilarante sia il volo della vecchia Befana, che ha più di 500 anni, che tutto il primo tempo, mentre il secondo fa spazio  a tematiche thriller, essendo il regista Michele Soavi un ex collaboratore di Dario Argento, anche lui regista di horror (La Setta, La Chiesa).
La forza del film è stata quella di mantenere la fascinazione dell’antica leggenda, unendola alle nuove tecnologie, come quella degli smartphone e di Whatsapp.
Riassumendo allora, la Befana è anche “sessualizzata”, perché ha un fidanzato che le propone di sposarlo (l’attore Fausto Maria Sciarappa, nel ruolo di Giacomo).
 La Befana  ha un rivale, Mister Johnny,  un ex bambino deluso da un mancato dono che la Befana gli avrebbe negato e che da adulto ha le fattezze pingui del bravissimo Stefano Fresi, una sorta di contro-super eroe, o eroe negativo, che la sequestra per ucciderla.
La scena della Cortellesi  che rischia di  finire bruciata, assieme ai bambini che stanno per soccombere sotto una pressa ha generato qualche dubbio: ma è un film adatto ai minori di 14 anni?

Siamo abituati però ad altre forme di violenza e perciò questo racconto tutto sommato “educativo” riesce a raccogliere consensi perché accontenta un po’ tutti i tipi di pubblico, spaziando in molti generi, come si è visto.

Stefano Fresi
E’ certo che il grandissimo successo e la stima che sta ottenendo Paola Cortellesi avranno un seguito forse con la riproposizione di questa befana miliardaria per incassi, o la messa in opera di commedie su questa falsariga, nelle quali l’attrice principale è maestra indiscussa.
2 gennaio 2019

Lascia un commento