Le “antipatiche” Miss Italia

di Romolo Ricapito
Gianfranco Magalli

Giovedì 4 ottobre Giancarlo Magalli ha ospitato a I fatti Vostri, Rai Due, le prime tre classificate al concorso di Miss Italia 2018.

La vincitrice, alla domanda su cosa le piacerebbe diventare, ha auspicato: “un’attrice internazionale”.
La seconda classificata ha reso una risposta simile: tanto cinema nel suo futuro e si è capito che dovrà essere di alto livello.
La terza classificata, la simpatica e bella ragazza nota alle cronache perché porta una protesi alla gamba destra, democraticamente ha risposto che…andrà al cinema a vedere le altre due.
Quanta presunzione da parte delle ragazze che ambiscono a questi titoli e li vincono.
L’unica a restare  coi piedi per terra è la giovane disabile. Per lei è da auspicare un futuro ricco di accettazione e felicità, ma le altre?
Chiara Bordi, terza classificata

Non è stato detto “voglio diventare un’attrice popolare a livello nazionale”, ma addirittura ..internazionale!

Le varie Margherita Buy, Isabella ferrari, Cristiana Capotondi, Sabrina Ferilli etc dovrebbero spararsi?
Che arroganza e che presunzione. E che differenza con le partecipanti del dopoguerra (tra esse spicca una delle  vincitrici, Lucia Bosè) che con i loro vestiti cuciti da sarte di provincia o “arrangiate” con  tendaggi (vedi Sofia Loren ) ambivano al massimo a un marito che garantisse loro il pranzo e la cena.
Certo, poi Bosè, Lollobrigida, Loren etc sono diventate attrici ammirate ma non erano presuntuose.
Adesso domina il tutto e subito: recitare con Brad Pitt, con Tom Cruise o George Clooney sembra praticabile a queste ragazze ventenni che drogate dal benessere o da una concezione sbagliata di esso, intendono primeggiare come api regine senza rendersi conto di non essere non certo patetiche (il loro stato di grazia è comunque invidiabile) ma antipatiche e distanti dal sentire comune.
ott0bre 2018

Lascia un commento