Disabilità e la posizione dei disabili. Ce ne parla Riccardo Cesano “A Cuore Aperto”

Intervista a Riccardo Cesano ,“ A Cuore Aperto”

di Cinzia Santoro

 

Riccardo Cesano, giovane salentino, una  laurea in Scienza delle Comunicazioni, un blog “Culturaaccessibile “che vi invito a visitare e una mission importante “cambiare” la concezione della disabilità e la posizione dei disabili agli occhi della società odierna. Il suo saggio di protesta, come Cesano definisce il suo libro “A Cuore Aperto ”,  racconta la rabbia dello stesso,  nel constatare la non conoscenza da parte della società dei sogni e bisogni dei disabili. Approfondisce le non modalità di come il mondo civile “tratta/accoglie/rifiuta/fraintende” l’altro.

 Riccardo non molla e non dispera, il suo è un viaggio verso l’autonomia, propria e di tutti i ragazzi diversamente abili che dobbiamo tenere a mente,  sono sempre e solo ragazzi, uomini e donne con gli stessi desideri di ogni essere umano.

 “ A cuore aperto ”  è la tua opera prima,  autopubblicata.  Perché questa scelta?

Nel lontano 2012, quando per la prima volta mi avvicinai all’editoria, pubblicare “A cuore aperto”, mi sembrava un’impresa impossibile, poi grazie all’aiuto di  due  carissime amiche ed a YouCanPrint, la mia idea  si è concretizzata.

Affronti nel tuo libro il tema dell’autonomia. Quanto è importante per te questo concetto?

 Autonomia, realizzazione, privacy, Vita. Sono questi quattro lemmi importanti nella vita di qualunque individuo, perché non in quella di un disabile? Perché non nella mia? Scardiniamo la dinamica ospedaliera. Autonomia uguale  PERSONALITÀ.  Sei d’accordo?

Chi è il destinatario del tuo messaggio?

Io mi rivolgo alla società e alle famiglie dei disabili, agli operatori sanitari. Tutti possiamo fare la differenza.

Chi è Riccardo Cesano? Vizi e virtù…

Lascio giudicare agli altri ….. Sicuramente un sognatore, un’artista, ed un uomo che vuole far del bene!

Pensi che la tecnologia sia di ausilio per l’autonomia dei diversamente abili?

Certamente, vivo meglio grazie alla presenza nella mia vita di una carrozzina a motore ed un’auto attrezzata. Certo maggiore aiuto da parte delle istituzioni non guasterebbe.

Cosa ti auguri per il tuo futuro?

Io mi auguro come ogni ragazzo ventenne il raggiungimento della piena  realizzazione personale e privata. A settembre, invece sarò ospite presso il Comune di Crispiano, con la presentazione del mio libro,  nell’ambito di una serata dedicata alla sensibilizzazione e al confronto dei giovani e delle loro abilità anche se “diverse”. Desidero ringraziare te  Cinzia per la chiacchierata e i lettori della Gazzetta dal Tacco nella speranza di poterli incontrare dal vivo, magari durante la serata dell’otto settembre a Crispiano. Serata voluta dall’Assessora alla Cultura  del Comune di Crispiano Aurora Bagnalasta incline a favorire un clima di collaborazione tra enti,  associazioni  e cittadini  e sensibilizzazione al  tema tanto delicato quanto forte della disabilità.

 

Lascia un commento