La Prima del FESTIVAL DELLA VALLE D’ITRIA 44°edizione: l’Opera di Nicola Vaccai GIULIETTA e ROMEO, scritto da Felice Romani e realizzato in una nera e suggestiva animazione coreografica

di Clelia Conte

 Opera di Nicola Vaccai GIULIETTA e ROMEO è il dramma in due atti di Felice Romani  con la regia di Cecilia Ligorio

 

E’ partito alla grande il 44° FESTIVAL DELLA VALLE D’ITRIA  la sera del 13 luglio con l’Opera del compositore di Tolentino Nicola Vaccaj di Tolentino, GIULIETTA e ROMEO, dramma in due atti di Felice Romani accompagnata dal maestro romano, Sesto Quartini e con la regia di Cecilia Ligorio.

Lo spettacolo si è svolto alla presenza di svariate personalità pubbliche ed un corteo di signori e signore elegantissime come si deve ad una prima di una manifestazione internazionale attesissima. La composizione di Vaccaj in origine ebbe un grande successo e fu rappresentata persino in Messico, ma dopo qualche anno fu messa da parte per dare rilievo alla stessa operacomposta dal Bellini. La versione del Vaccaj  di Giulietta e Romeo, fu rappresentata per la prima volta al Teatro alla Canobbiana di Milano nel 1825 e ora realizzata a Martina Franca al Palazzo Ducale nell’edizione critica di Ilaria Narici. Sarà inoltre replicata il 15 e il 31 luglio.

Raffaella Lupinacci e Leonor Bonilla sono rispettivamente Romeo e Giulietta mezzosoprano e soprano che fino alle prove dell’evento si conoscevano solo tramite i social ma hanno recitato in modo fantastico da vere complici. Lei, Leonor, ha interpretato il personaggio con molta grazia ed eleganza nella gestualità, lui, la Lupinacci, non ha forzato la mascolinità del personaggio risultando gradevole e raffinata. Abiti stupendi per i protagonisti e per i figuranti che all’inizio dell’opera erano tutti di nero ed alcuni mimi con il volto di lupo e delle maschere diaboliche. Le scene cambiavano durante l’opera solo attraverso piccoli particolari, ma l’effetto variava in base alle scene. Le luci di Luciano Novelli hanno fatto un gran bel lavoro di effetti di luci sul palco e sulle finestre del chiostro del Palazzo Ducale. Gli attori si sono distribuiti a destra ed a sinistra e regista non ha trascurato i particolari curando i personaggi uno ad uno.

Dovendo dare un premio per la mimica eccellente, lo darei all’interprete di Adele, la madre di Giulietta, Paoletta Marrocu che ha egregiamente manifestato il dolore di una donna colpita dal lutto prima del figlio e poi della sventurata Giulietta, straziata dall’amore profondo per Romeo. Romeo, giovane capo dei Montecchi, innamorato di lei e contrastato poiché facente parte della famiglia rivale, lotta invece appassionatamente per avere la sua amata Giulietta.

 Capellio (principale della famiglia dei Cppelletti) il tenore Leonardo Cortellazzi, è il padre della fanciulla che contrasta l’amore dei due protagonisti per favorire Tebaldo (Vasa Stajkic, baritono).  Il complice dei due amanti è poi Lorenzo (Cristian Senn, basso ), medico e familiare di Capellio che aiuta i due ad incontrarsi di nascosto ma poi assisterà ad un disastro da lui causato per non avere avvisato Romeo in tempo che Giulietta non fosse morta realmente. Lo strazio dei due giovani in un’atmosfera di morte tra l’angelo ed i morti senza volto pittorescamente appostati intorno a Giulietta, vestita ora di bianco, preparata per essere sposata da Tebaldo che muore trafitto dalla spada di Romeo. Delizioso il finale. Voci soavi e fine di un dramma che si

Festival della Valle d’Itria_Giulietta e Romeo- Christian Senn (Lorenzo) e Leonardo Cortellazzi (Capellio)_Ph Fabrizio Sansone

accende agli applausi del pubblico. Il risultato di questa prima serata è il successo meritato di tutti i protagonisti i figuranti e l’orchestra compresa, diretta dal vivace maestro Sesto Quartini che ha orchestrato accordando la musica alla filologia dell’epoca di Vaccaj. La musica è meravigliosa, impregnata di sentimento e riesce in peno con i  personaggi a coinvolgere lo spettatore creando più volte momenti di forte impatto emotivo.

L’opera in questione continua a commuovere.

 

Il maestro Sesto Quartini

 

Direttore   Sesto Quatrini
Regia   Cecilia Ligorio
Scene   Alessia Colosso
Costumi   Giuseppe Palella
Luci   Luciano Novelli

Orchestra Accademia Teatro alla Scala
Coro del Teatro Municipale di Piacenza
Maestro del Coro Corrado Casat

Per Info e biglietti:

https://www.festivaldellavalleditria.it/spettacolo/giulietta-e-romeo/2018-07-13

13 luglio 2018

Lascia un commento