Allo Sowille di Bari concerto multimediale “ASSEDIO / Frammenti di reportage” tratto dai reportage di Lucia GORACCI

 

 

 Sabato 19 maggio a Bari, presso lo Showville di via Giannini, alle ore 18:00 la messa in scena del concerto multimediale “ASSEDIO / Frammenti di reportage” tratto dai reportage di Lucia GORACCI, l’inviata della RAI e corrispondente da Istanbul, che negli ultimi anni ha seguito i conflitti mediorientali sempre dalle postazioni in prima linea raccontando la complessità delle relazioni internazionali e la vita delle popolazioni civili, vittime di bombardamenti e assedi, costrette alla fuga di fronte a violenze e soprusi sempre crescenti in Siria e Iraq.

 

L’evento chiude il ciclo primaverile del progetto “Pace Diritti Umani Mediterraneo – PaDUMe”, promosso e realizzato dall’Associazione SUD a partire dalla Valle d’Itria e poi in sede nazionale e internazionale.

È una serata di grande rilevanza artistica e culturale non solo per città metropolitana di Bari, ma per l’intera Puglia (data unica per il Sud Italia), resa possibile dal sostegno della Regione Puglia – Assessorato Impresa Turistica e Culturale, in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese e Puglia Promozione nell’ambito delle iniziative Puglia 365 e PIIIL Cultura in Puglia

L’ingresso è libero (porta ore 17:30).

 ASSEDIO- frammenti di reportage” è un’opera multimediale più che mai attuale, che porta in scena il team creativo di autori che hanno lavorato insieme alla scrittura di una partitura complessa per solisti, orchestra, voci narranti, video e che vede per la prima volta Lucia Goracci in veste di autrice e interprete di un testo teatrale.

Il concetto di ASSEDIO è quello di trasferire lo straordinario esito della testimonianza di una grande giornalista italiana – che da anni trasmette i suoi reportage da vari fronti di guerra, dagli assedi di Mosul in Iraq fino ai tragici scenari delle città siriane – dal piano della cronaca giornalistica, a quello dell’opera, che nella forma artistica guadagna la dimensione della permanenza e della potenziale riproducibilità.

 

I brevi servizi giornalistici quotidiani di Lucia Goracci trasmessi dal TG di RAI News 24, elementi cruciali del mosaico di ASSEDIO, non hanno semplicemente aggiornato il diario degli eventi, ma agito anche sul piano della osservazione antropologica e psicologica, dando spazio, seppure per pochi secondi, ai volti e alle voci di esseri umani rappresentati nella propria individualità. Dal valore di questa ricerca, conosciuta dal pubblico nella forma frammentaria della narrazione televisiva, nasce l’idea di creare un’opera che consenta di rivedere, riascoltare e riflettere, trasferendo l’esperienza dell’inviato reporter nella diversa dimensione temporale di un elaborato artistico.

 

Punto di partenza comune per la partitura sinfonica del compositore e direttore d’orchestra Tonino Battista, che dirigerà l’Orchestra ICO della Magna Grecia, e le elaborazioni di Daniele Roccato per il quartetto di contrabbassi “Ludus Gravis” sono le Lamentationes  Jeremiae Prophetae, mottetti composti da Palestrina (1525 -1594) sul testo biblico del profeta e che narrano della distruzione di Gerusalemme, qui assunta come archetipo della città posta sotto assedio.

 

Si aggiungono al quadro sonoro le percussioni etniche dell’artista iraniano Mohssen Kasirossafar, protagonista nell’opera di momenti di improvvisazione con il contrabbassista Daniele Roccato.

 

Completa lo spettacolo la parte visiva: nel video, creato dal regista/musicista Claudio Rufa, rielaborando riprese anche inedite realizzate sul campo da Lucia Goracci e dal cameramen Miodrag Stojicic, il rapporto tra materiale di reportage e partitura musicale.

 

ASSEDIO-frammenti di reportage, nato da un’idea del direttore artistico Luisa Prayer, è una commissione 2017 dell’ISA – Istituzione Sinfonica Abruzzese, realizzata in collaborazione con RAI News 24.

ASSEDIO / Frammenti di reportage si inserisce nell’ambito delle iniziative denominato “Pace Diritti Umani Mediterraneo – PaDUMe” che l’ASSOCIAZIONE SUD sta promuovendo e organizzando dal 2015, a partire dalla Valle d’Itria, in sede regionale nazionale e internazionale avendo come attori privilegiati i giovani e le diverse comunità locali coinvolte.

PaDUMe ha visto la realizzazione di numerosi progetti di mobilità internazionale sostenuti dal Programma Erasmus+ della Commissione Europea, con particolare riferimento a:

  • scambi e percorsi formativi nel Nord Africa, Vicino Oriente, Caucaso e Balcani;
  • incontri pubblici, conferenze e seminari che hanno visto la partecipazione di prestigiosi rappresentanti del panorama culturale, artistico, politico, giornalistico, sociale contemporaneo a livello nazionale e internazionale.

Sono stati ospiti di PaDUMe: Ágnes Heller, Donatella Di Cesare, Paola Caridi, Christian Elia, Raffaele K. Salinari, Rosita Poloni, Manuella Markaj, Alessandro Vanoli, Laura Silvia Battaglia, Paola Cannatella, Alidad Shiri, Razi e Sohelia Mohevi, Michele Nicoletti, Simone Bozzato, Daphne Gogou.

 

PaDUMe ha goduto del patrocinio, sostegno e collaborazione di: Regione Puglia – Presidenza della Giunta Regionale, Regione Puglia – Sezione Relazioni Internazionali, Regione Puglia – Dipartimento turismo, economia della cultura e valorizzazione del territorio, Comune di Martina Franca, Comune di Locorotondo, Fondazione Paolo Grassi onlus, Cammini d’Europa, Società Geografica Italiana, Agenzia Nazionale per i Giovani, Università del Salento, Libreria L’Approdo, I Giardini di Pomona, CSV-Taranto, Masseria Aprile, Masseria Gianca, LocoMondoViaggi, PhEst-Monopoli, MAAAC Museo Area Archeologica Arte Contemporanea di Cisternino, Luzzart Syncretic Agency.

 

Sono attualmente partner internazionali di PaDUMe organizzazioni della società civile di: Svezia, Spagna, Bulgaria, Romania, Serbia, Albania, Kosovo, Georgia, Turchia, Libano, Giordania, Tunisia, Marocco.

“PaDUMe – Pace Diritti Umani Mediterraneo” è un’iniziativa dell’Associazione SUD, avviata nel 2015.

Info sugli eventi realizzati sono disponibili sul nostro sito, pagina Facebook e profilo Issuu.

L’Associazione SUD è impegnata dalla sua fondazione (ottobre 1995) nell’ambito del Programma Erasmus+ della Commissione Europea e nel quadro delle iniziative promosse dal Consiglio d’Europa e di altre Agenzie nazionali e internazionali impegnate nel campo della tutela e affermazione dei diritti umani.

Dal 2005 è iscritta all’Albo delle organizzazioni impegnate per la cooperazione e partenariato internazionale istituito dalla Regione Puglia (L.R. 20/2003).

Tematiche centrali del suo impegno sono l’apprendimento e il dialogo interculturale, la partecipazione attiva, la lotta alle diverse forme di esclusione, l’affermazione dei diritti umani, la costruzione di percorsi di pace e gestione non violenta dei conflitti, la sostenibilità delle relazioni umane tra singoli e comunità locali e internazionali.

Attori e beneficiari privilegiati delle sue azioni sono i giovani, le donne e i migranti. La metodologia d’azione prevalentemente applicata si riferisce ai principi dell’educazione non formale.

 GLI ARTISTI COINVOLTI

 Lucia Goracci, giornalista e inviata. Corrispondente RAI da Istanbul.

In Rai con pubblico concorso dal 1995, Lucia Goracci è attualmente inviata di Esteri per  Rainews24. Ha raccontato per la Rai diversi conflitti contemporanei, in particolare in Medio Oriente. Da due anni viaggia sui diversi fronti di guerra allo stato islamico. E’ stata a Kobane negli ultimi giorni dell’assedio e a Palmira subito dopo la riconquista all’ISIS. Ha intervistato il presidente turco Erdogan subito dopo il fallito golpe del luglio 2016 ed è stata tra i primi media internazionali a entrare nei primi quartieri di Mosul liberati dall’ISIS. Ha avuto i seguenti riconoscimenti giornalistici: Premio Russo, Alpi, Luchetta, Barzini, Cutuli e Premiolino.

 

Tonino Battista, direttore

Tra i più versatili direttori della scena internazionale domina un repertorio vastissimo, dal barocco al contemporaneo elettroacustico, passando per il teatro musicale fino alla musica applicata. Ha collaborato con i più grandi interpreti e compositori viventi, curando la prima esecuzione di molte opere contemporanee.Allievo per la Direzione d’Orchestra di Daniele Gatti a Milano, si perfeziona nella Direzione del Repertorio Moderno e Contemporaneo con Peter Eötvös in Ungheria e in Olanda. Frequenta numerosi corsi e seminari: con Leonard Bernstein per la direzione d’orchestra, con Karlheinz Stockhausen, Luigi Nono, Salvatore Sciarrino, Jesùs Villa-Rojo, Franco Donatoni e Coriùn Aharonian per la composizione, con Sigfried Palm e Hans Deinzer per il repertorio da camera. Prende parte ai corsi di Musica Informatica presso il Centro di Sonologia Computazionale dell’Università di Padova con Alvise Vidolin e Sylviane Sapire. Direttore e fondatori di numerosi ensembles (Artisanat Furieux Ensemble , Logos Ensemble ,Veni Ensemble), in occasione dei corsi tenuti da Peter Eötvös a Darmstadt nel 1996, dirige l’Ensemble Modern di Francoforte nell’esecuzione di Mixtur di Stockhausen,che lo designa interprete autorevole della propria musica. Collabora con Louis Andriessen e Steve Reich. Nel 1998 è Composer in Residence presso la Herrenhaus di Edenkoben, nel 2000 presso l’Istituto GRAME di Lyon. E’ direttore artistico delle stagioni di musica contemporanea del Parco della Musica di Roma e nel 2016 è stato nominato Direttore per la Contemporanea dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese.

 

Daniele Roccato, contrabbassista

Contrabbassista solista e compositore, è stato invitato a suonare in molti dei festival e delle sale da concerto più prestigiose del mondo, spesso presentando proprie composizioni.

Per lui hanno scritto e approvato trascrizioni Gavin Bryars, Julio Estrada, Ivan Fedele, Hans Werner Henze, Terry Riley, Stefano Scodanibbio, Sofia Gubaidulina (la quale ha dichiarato: “la sua interpretazione mi ha totalmente sconvolta. Non ho mai sentito un contrabbasso suonare in questo modo” – RAI RadioTre).

Assieme a Scodanibbio ha fondato l’ensemble di contrabbassi “Ludus Gravis”, del quale è concertatore e solista.

Con lo scrittore, drammaturgo e attore Vitaliano Trevisan ha realizzato i lavori teatrali Solo et Pensoso,Time Works, Note sui Sillabari, Madre con Cuscino, Campo Marzo 9/10, Burroughs in Cage, Good Friday Night, che lo hanno visto coinvolto in qualità di compositore e performer.

Per il danzatore e coreografo Virgilio Sieni ha scritto le musiche di Agorà Tutti, Vangelo secondo Matteo (prodotti da La Biennale di Venezia), CORPUS_Deposizioni e Visitazioni,Vita_Nova, DOLCE VITA_Archeologia della Passione (Prodotto da RomaEuropa Festival), Le Sacre – Preludio (prodotto da Teatro Comunale di Bologna).

Nell’ambito del teatro d’avanguardia ha scritto le musiche per NuvoleCasa, realizzato da Socìetas Raffaello Sanzio (Chiara Guidi) e, a quattro mani con Luigi Ceccarelli, per LUS, realizzato dal Teatro delle Albe (Ermanna Montanari, Marco Martinelli. Produzione ERT Emilia Romagna Teatro).

Nel campo della creazione estemporanea e dell’improvvisazione ha realizzato progetti concertistici e discografici con Mark Dresser, Vinko Globokar, Garth Knox, Joëlle Léandre, Thollem McDonas, Butch Morris, Barre Phillips, Dominique Pifarély, Michele Rabbia, Terry Riley.

Alcuni dei suoi molti lavori di trascrizione sono in corso di pubblicazione per le edizioni Sikorski, Schott e Salabert.

Ha portato il contrabbasso solista nell’ambito pop con i progetti in trio con Lucio Dalla e con Roberto Vecchioni.

Titolare della cattedra di Contrabbasso presso il Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma, è spesso invitato a tenere seminari presso prestigiose accademie e università, fra queste Conservatoire National Supérieur (Parigi), Universitat der Kunste (Berlino), San Francisco State University, Norwegian Academy of Music (Oslo), Università Ca’ Foscari di Venezia, UNAMM (Città del Messico), UNEAC (L’Havana). Ha registrato per ECM, Wergo, Sony.

Diversi suoi concerti sono stati trasmessi da Rai RadioTre e dal canale Sky ARTE.

Viene regolarmente invitato a far parte della giuria di concorsi internazionali. Veneto di origine, da molti anni risiede a Roma e da qualche anno ha il suo studio principale sulle rive del lago di Piediluco.

 

Mohssen Kasirossafar, percussioni etniche

Nasce a Mashad in Iran nel 1955, laureto in lettere con indirizzo cinematografico in Italia.  Inizia a studiare lo Zarb nel 1980. Dal 1983 in poi incontra i Maestri K. Kalhor, M. R. Lotfi, H. Alizadeh, B. Kamkar e M. Aayan con i quali comincia a perfezionare la tecnica, per completare poi la sua formazione con il grande musicista Nasser Farhângfar.

Dal 1975 vive a Roma dove collabora tra gli altri con musicisti e compositori come Ennio Morricone, Giancarlo Schiaffini, Giorgio Battistelli, Angelo Branduardi, Fabrizio De Andre, Mauro Pagani, Paolo Vivaldi, Andrea Morricone, Rita Marcotulli, Daniele Sepe, il duo Antonello Salis e Alessandro Satta e molti altri. Ha al suo attivo numerosissime incisioni discografiche e ha partecipato a svariati festival musicali Italiani ed europei e programmi radiotelevisivi. E’ parte integrante di gruppi come Giancarlo Schiaffini Quintet, Mish Mash Quartet, Trio Alesini, Compagna Felix, Sarawan, con una collaborazione che si svolge tra la musica persiana d’arte e popolare, musica medievale e rinascimentale e quella contemporanea e sperimentale, teatro e colonne sonore. Da molti anni, accanto alla carriera di liutaio e musicista e fotografo professionista si dedica all’insegnamento dello zarb e del daf.

 

Ludus Gravis, ensemble di contrabbassi

Dedito all’esecuzione di musica contemporanea, l’ensemble è nato dall’incontro fra Stefano Scodanibbio e Daniele Roccato. Ha debuttato nel Marzo 2010 presso l’Auditorio Nacional di Madrid. Ha all’attivo la partecipazione a festival internazionali quali La Biennale di Venezia, Musica D’Hoy di Madrid, Rassegna di Nuova Musica di Macerata, AngelicA di Bologna, Imago Dei di Krems (Vienna), Music of Changes di Klaipeda (Lithuania), Gaida di Vilnius (Lithuania), Unicum di Ljubljana (Slovenia), Borealis di Bergen (Norvegia), Vinterfestuka di Narvik (Norvegia), Ad Lucem Introvert Art Festival di Riga (Lettonia), Suså Festival di Naestved (Danimaca), Lux Aeterna di Amburgo (Germany), VI Ciclo de Conciertos de Mùsica Contemporànea di Bilbao (Spain), Fundaciòn BBVA di Madrid (Spain), Open Music di Forlì, Ravenna Festival di Ravenna. Ha effettuato registrazioni radiofoniche per Rai RadioTre, Sky ARTE e un CD per l’etichetta discografica WERGO. È attualmente in produzione un nuovo CD, in uscita nel 2017 per l’etichetta discografica ECM. Ludus Gravis ha lavorato a stretto contatto con Terry Riley, Hans Werner Henze, Sofia Gubaidulina, Julio Estrada, Filippo Perocco, Fabio Cifariello Ciardi e collabora con lo scrittore, drammaturgo, attore Vitaliano Trevisan.

 

Claudio Rufa, regista video

Dopo aver studiato musica al Conservatorio G.Rossini di Pesaro ( flauto, composizione,musica elettronica e direzione d’orchestra) si è trasferito a Parigi per studiare flauto con P.Y Artaud. Parallelamente ha studiato flauto traverso barocco con B.Kuijken al Conservatorio Reale di Brussel. Dopo aver terminato gli studi musicali nel 1981 ha eseguito concerti in tutto il mondo in qualità di flautista e direttore d’orchestra.

Ha registrato dischi per diverse etichette discografiche italiane e straniere.

Durante gli anni 80 ha lavorato con i primi sequencers musicali come Notator e Cubase lavorando con computers Apple e Atari. In quegli anni programmava in linguaggio Basic.

Con l’avvento di Windows 95 ha iniziato a programmare in linguaggio C e C++.

Utilizzando Macromedia Director ha realizzato numerosi CDRom per il CNR-ITABC e CNR ISTC.

Alla fine degli anni 90 ha iniziato a lavorare in OpenGL scrivendo il proprio motore di rendering 3D in tempo reale.

Con questo motore grafico ha realizzato nel 2003 un’ applicazione interattiva sulla Cappella degli Scrovegni collaborando con il CNR-ITABC.

Sue installazioni, legate alla comunicazione dei beni culturali, sono presenti in vari musei italiani e stranieri, Musei Vaticani, Villa Giulia, Museo Nazionale Romano, Allard Pierson Museum Amsterdam, ecc.

Ha anche realizzato diverse applicazioni per IOS e Android collaborando con diversi musei e istituzioni italiane e straniere.

Ha partecipato, in qualità di programmatore e videomaker, a diversi progetti europei.

Negli ultimi anni si è dedicato sempre più alla realizzazione di video e film.

Come regista collabora regolarmente alla trasmissione GEO (RAI terza rete) realizzando documentari sull’ambiente e sul territorio.

 

Stefano Goracci, attore e doppiatore

Si forma presso l’Accademia Internazionale di Arte Drammatica del Teatro Quirino di Roma, sotto la direzione di Alvaro Piccardi e l’insegnamento di molteplici professionisti del settore, quali Rosa Masciopinto, Ugo Maria Morosi, Francis Pardeilhan, Lello Arena, Gigi Proietti, Sergio Basile, Giorgio Albertazzi, Carlo Boso ed altri ancora. Una volta conseguito il diploma accademico, si dedica alla professione di attore e regista di vari spettacoli, nonché alla scrittura di copioni e testi narrativi e all’insegnamento della recitazione in laboratori teatrali; infine approda nel doppiaggio, studiando presso lo Studio Enterprise di Grosseto e la Fonoroma di Roma, sotto la guida di attori e doppiatori come Fabrizio Pucci, Gino la Monica, Marco Mete, Roberto Chevalier, Monica Ward, Massimo Lopez e altri ancora.

 

Orchestra ICO Magna Grecia

Nasce nel 1992  per volontà di un gruppo di musicisti animati dalla voglia di realizzare il sogno di dare a ai giovani talenti della loro terra l’opportunità di esprimersi, emergere, affermarsi nel mondo attraverso la musica. Da allora questo percorso continua grazie ad un binomio di entusiasmo ed energia, permettendo all’orchestra di diventare nel 2003 ICO ( Istituzione Concertistica Orchestrale )

L’orchestra in tutti questi anni, sotto la direzione artistica di Piero Romano, scrive la sua storia condividendo idee ed entusiasmo, con importanti direttori e solisti d’eccezione quali Bellugi, Agiman, Nanut, Cassuto, Ventura, Kantorov, Bruson, Maggio Ormezowsky, Maisky, Askenazy, Camino, Zimerman, Lupo, Ciccolini, Solenghi, Stewart, Canino, Bloch, Bollani, Noa, Feidman, Amoyal, Krylov, Devia, Ughi, Bosso, Barra, Desideri, Camilo etc.. Un ringraziamento va a Luis Bacalov, recentemente scomparso, per il ruolo di Direttore principale che ha svolto dal 2005 al 2017, così come al direttore musicale Luigi Piovano, che dall’autunno del 2012 contribuisce alla crescita dell’orchestra con uno straordinario senso di appartenenza.

Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/169069613929288/

 

18 maggio 2018

 

Lascia un commento