BARI-Il PARCO CARRANTE prende vita Sabato 14 aprile. Festa per l’apertura.

SABATO L’INAUGURAZIONE DEL PARCO CARRANTE DALLE ORE 16 LA FESTA PER L’APERTURA DEL NUOVO SPAZIO VERDE NEL MUNICIPIO II

Sabato 14 aprile, alle ore 16, un altro parco pubblico si apre alla fruizione dei cittadini: il parco di via Carrante, a Poggiorfranco. L’inaugurazione si svolgerà alla presenza del sindaco, dei rappresentanti del Municipio II, delle associazioni, del territorio e di tutti i cittadini che vorranno partecipare.

Un pomeriggio dedicato ai cittadini che intendono vivere lo spazio pubblico e prendersene cura.

 

Nel corso del pomeriggio diverse le attività in programma:

– esibizione del coro degli alunni della scuola Carrante

– esibizione della fanfara della scuola Massari Gallilei

– QuattroPerQuattro Streetband

– guerrilla gardening

– animazione per bambini con i ragazzi della parrocchia Don Guanella

– piccoli spettacoli di magia

– dimostrazione della Scuola Cani Salvataggio Nautico.

Il parco

Cinque sono le aree attrezzate, pensate per favorire l’aggregazione e lo svago dei cittadini: per questo il 70% della superficie originaria (pari a circa 3.100 metri quadrati) è stata lasciata verde, mentre sul restante 30% dell’area sono stati  realizzati percorsi ciclopedonali e attrezzature ludiche.

Nello specifico il parco si articola in:

  • un’area naturalistico/agreste che comprende le alberature esistenti di olivo, fico, mandorlo e ciliegio, da integrare con nuovi alberi di alloro, carrubo, corbezzolo, melograno, leccio, biancospino ed essenze aromatiche del tipo rosmarino, salvia, lavanda e mirto;
  • un’area per lo sgambamento dei cani, perimetrata con rete alta 1,50 metri ricoperta da un rampicante tipo caprifoglio, in modo da circoscriverne l’utilizzo;
  • un’area arena pavimentata con un griglia in polietilene riempito di sabbia vulcanica, su cui sono stati posizionati 15 toppi (porzioni di fusti di alberi opportunamente trattati e levigati), utilizzabile per eventi ludici e didattici, mercatini del baratto e del riciclo;
  • un’area ludica pavimentata con gomma antitrauma, in cui sono stati riprodotti gli storici giochi della campana e delle minibocce;
  • un’area dedicata agli orti didattici, costituita da 4 aiuole riservate all’educazione e sperimentazione botanica ed agroalimentare.

 

Tutti i percorsi sono stati realizzati in terra stabilizzata, una soluzione che assicura la permeabilità e il drenaggio delle superfici, rendendoli nel contempo ciclabili e carrabili anche per piccoli mezzi di manutenzione.

I lavori hanno riguardato anche la costruzione di tratti di muretti a secco, opportunamente sistemati e sagomati in base alla nuova geometria dei percorsi, con altezza di circa 45 centimetri dal suolo in modo da poter essere utilizzati come piano di seduta.

Sono stati realizzati anche gli impianti idrici a servizio di una fontanina/beverino e di 4 punti di irrigazione, e quello di illuminazione composto da 25 pali con tecnologia a led.

Il nuovo giardino è privo di barriere architettoniche.

12 aprile 2018

 

 

Lascia un commento