Mal tempo: Bari invasa da ombrellini cinesi


di Clelia Conte

RIFLESSIONE: In questi giorni il tempo è veramente inclemente ed il 21 marzo invece della primavera è arrivato l’inverno, quello vero però! Girando per Bari si sono visti ombrelli ed ombrellini vicino ai secchi dell’immondizia distrutti dal vento e dalla pioggia che il Comune ha dovuto raccogliere e ahimè smaltire.

Vi siete chiesti quanto danno ecologico facciano “stè robe cinesi” che si rompono con una botta di vento? E’ vero che costano poco, è vero che quando non li hai, alla prima goccia di pioggia li acquisti subito dal primo omino extacomunitario che te li vende dietro l’ angolo della strada e non ti bagni. Cavoli quando piove spuntano omini come funghi!

Sai però quanto farebbe bene averne uno, (di ombrello ovviamente) che costi più di dieci euro che non sia cinese e che magari duri qualche stagione in più? Tutti gli oggetti della Cina durano poco e si buttano: quanta spazzatura da smaltire! Non sarebbe ora di cominciare ad acquistare cose migliori che durino (almeno chi può!) e investire in un ambiente ecologicamente più sano? Quest’ambiente se lo troveranno i nostri figli e noi spenderemmo meno della metà di tasse di spazzatura. Meditate gente MEDITATE!

25 marzo 2018

 

Lascia un commento