Sei qui
Home > Attualità > Berlusconi si compiace per la frase “oscena” di Catherine Deneuve sullo scandalo delle molestie- La polemica continua

Berlusconi si compiace per la frase “oscena” di Catherine Deneuve sullo scandalo delle molestie- La polemica continua

di Clelia Conte   
“Lasciamo agli uomini la libertà di importunarci” è la frase di Catherine Deneuve che ha indignato milioni di femministe e che è stata pienamente condivisa da Silvio Berlusconi ieri ospite di Bruno Vespa a “Porta a Porta”.

“Ha detto cose sante!.– ha affermato il leader di Forza Italia riferendosi all’attrice –“È naturale che le donne siano contente che un uomo faccia loro la corte.ha aggiunto Io non sono molto pratico perché sono sempre le donne a farmi la corte. L’importante è che la corte rimanga nell’eleganza”.

Per le donne del collettivo invece “Lo stupro è un crimine. Ma tentare di sedurre qualcuno, anche in maniera insistente o maldestra, non è un reato, né la galanteria è un’aggressione del maschio” 

Catherine Deneuve

Insomma qui si fanno delle polemiche assurde e continue mi sembra “la Santa Inquisizione”. Sarebbe più semplice stabilire che coloro che si trovino in una posizione di supremazia, che sia un prof, che sia un datore di lavoro ecc., non devono assolutamente molestare la parte debole cioè la propria dipendente o una persona in genere che si trovi in una situazione di sudditanza.

Quando gli uomini condizionano le giovani donne a sottoporsi alle loro avance promettendo carriere da favola o facendo capire che altrimenti perderebbero il lavoro, in questi casi molte giovani non hanno il coraggio o non sono capaci di difendersi per inesperienza o per paura di perdere il lavoro.

Berlusconi dovrebbe distinguere l’azione di fare la corte da quella di creare disagio e imbarazzo. Catherine Deneuve invece è stata un po’ leggeretta nel pronunziare la fatidica frase perché, la libertà degli uomini di importunarci corrisponde ad un soccombere delle donne che non si sanno o non possono difendersi, quindi ad una privazione di libertà stessa.

Per contro il gentil sesso che si sa invece difendere e che non accetta le avance, avrebbe poi la libertà di spaccare loro la faccia? Bisognerebbe dire a quelli che non anno mai provato questa umiliazione conseguente a molestie: “Provate per Credere”! Vi assicuro che trovarsi in quella situazione squallida crea disagio psicologico, ansia, angoscia e umiliazione.

12 gennaio 2018

Lascia un commento