Fatta la legge trovato l’inganno!

lex

Mauro Chirizzidi Mauro Chirizzi

Cari lettori da qualche tempo si nota uno spiccato fermento di quel terzo settore che per Statuto opera (o dovrebbe farlo) nel sociale a tutela dei consumatori o cittadini in genere.

Queste associazioni, titolate ad agire anche per promuovere LA CLASS ACTION.. (…quella promessa /chimera tipicamente italiana dal termine anglosassone roboante che si diceva avesse in sé il potere di abbattere l’arroganza dei potentati economici difendendo i singoli ovvero i contraenti deboli rispetto alla grande distribuzione) oggi hanno trovato nella legge n.3 del 2012 una grande fonte di nuovi tesserati e soprattutto un modo per incassare ingenti guadagni. Mi spiego meglio:
Lo spirito della suindicata legge chiamata altresì legge “sdebitamento” è contrastare l’eccessivo indebitamento riguardanti sia le persone fisiche che anche le aziende mediante l’utilizzo di un percorso concordato con il Tribunale competente per territorio; per fare ciò sono necessari diversi passaggi tecnici che appunto la “associazione de quo” si offre di organizzare al proprio assistito in cambio non solo del tesseramento annuale (e già qui v’è violazione del principio di libera adesione trovandoci a mio avviso dinanzi ad un accordo di sinallagma contrattuale ove alla promessa di un servizio viene prestata una somma di denaro)ma soprattutto chiede anticipatamente e cioè prima di ottenere i benefici spiegati dalla legge n.3 del 2012.
Al danno ci aggiungiamomla beffa cosicché un cittadino italiano già sovraindebitato da cartelle esattoriali ovvero mutui, prestiti e debiti sociali si ritrova per riuscire ad avere uno sconto rispetto alla summa di debito subente anche una ulteriore richiesta ingente di denaro ad opera proprio di quella associazione che per statuto avrebbe l’obbligo di aiutarlo.
Questa redazione pertanto crea un osservatorio e mette a disposizione di tutti voi lettori il seguente recapito telefonico utile a segnalare tali gravi vizi di consenso.

Lascia un commento