E’ morto a Los Angeles il magnate dell’editoria erotica Hugh Hefner

Hugh Hefner

di Romolo Ricapito

Addio a Hugh Hefner, 91 anni, magnate dell’editoria erotica.

Playboy, la sua famosa ed effervescente rivista, ha segnato un’epoca.

Di liberazione dal puritanesimo, ma anche di adesione a forme discutibili di figure, seppure iconiche, di donne oggetto: le famose conigliette.

Hugh Hefner nel pieno delle sue forze
Hefner ha avuto il merito di  sdoganare la pornografia, trasformandola in erotismo patinato e contornato da firme giornalistiche autorevoli, che collaboravano con la sua celebre rivista.
Ma lo sdoganamento ha comportato anche la messa in posa di celebri attrici (la prima di tutte: Marilyn Monroe) che dapprima trasgressivamente, poi sempre con più nonchalance hanno posato senza vestiti o con pochissimi veli per il mensile Playboy.
Anni d’oro, poi finiti nel dimenticatoio a causa della crisi dell’editoria e della diffusione di internet.
Playboy, le conigliette, lo stesso Hefner sono così diventati una sorta di elemento nostalgico, quasi patetico e rappresentativi certo di un’epoca, ma anacronistici e non più al passo coi tempi.
Quasi archeologia.
Politicamente, Hefner è stato un democratico: appoggiò Hillary Clinton e precedentemente Obama.
Probabilmente non ha “eredi” culturalmente parlando: le sue gesta, eccessive seppure eclettiche, non hanno attecchito in eventuali nuove figure che possano replicare le sue imprese, che comunque sia hanno segnato il costume.
Pubblicato il: 29 sett. 2017 alle 1o : 17

Lascia un commento