La Città di Monopoli conquista le cinque vele di Legambiente

 

 

Il riconoscimento al comprensorio “Costa del Parco Agrario degli Ulivi secolari” consegnato a Bari

La Città di Monopoli guadagna una vela passando da 4 a 5 vele nella “Guida Blu 2017 – Il mare più bello”, realizzata da Legambiente e Touring Club Italiano che quest’anno non assegna le 5 vele ai singoli comuni, ma ad interi comprensori turistici scelti secondo i tradizionali criteri della Guida e all’interno dei quali è poi possibile scoprire i comuni che ne fanno parte con le singole valutazioni. Monopoli aveva conquistato le quattro vele nel 2010, 2011, 2012, 2013 e 2016, mentre nel 2014 e 2015 aveva ricevuto tre vele.

Il Comune di Monopoli insieme a Polignano a Mare, Fasano, Ostuni e Carovigno ricade nel comprensorio “Costa del Parco Agrario degli Ulivi secolari”, premiato con il massimo riconoscimento insieme al comprensorio turistico “Alto Salento Adriatico”, in cui ricadono i Comuni di Otranto e Melendugno.

 

I dati pugliesi de la guida “Il mare più bello” sono stati presentati in conferenza stampa, questa mattina a Bari, da Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia, alla presenza di Loredana Capone, Assessore al Turismo della Regione Puglia, Aldo Patruno, Direttore del Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia, e degli amministratori dei Comuni ricadenti nei comprensori turistici premiati con le “5 vele”. Per il Comune di Monopoli era presente l’Assessore alla Pianificazione Integrata del Territorio e Demanio Stefano Lacatena.

 

«Questo riconoscimento premia gli sforzi dell’Amministrazione Comunale e di un intero territorio che per la prima volta è unito in un’unica sinergia. Per Monopoli rappresenta un’ulteriore opportunità di promozione turistica e deve spingerci ad una maggiore valorizzazione e tutela delle nostre risorse naturali», afferma Lacatena.

I comprensori turistici raccolti nella guida sono stati individuati sulla base dei dati raccolti da Legambiente sulle caratteristiche delle qualità ambientali e di quelle dei servizi ricettivi: uso del suolo, degrado del paesaggio e biodiversità, attività turistiche; stato delle aree costiere; mobilità; energia; acqua e depurazione; rifiuti; iniziative per la sostenibilità; sicurezza alimentare e produzioni tipiche; mare, spiagge ed entroterra, struttura sociale e sanitaria. I dati sono stati integrati dalle valutazioni espresse dai circoli locali e dall’equipaggio di Goletta Verde.

Nella classifica nazionale dei comprensori a 5 vele “Costa del Parco Agrario degli Ulivi secolari” si è piazzato al 6° posto.

Lascia un commento