Aretha Franklin, 75 anni: a Detroit le hanno intitolato una via. Il perché dell’omaggio.

 

di Romolo Ricapito

Nel centro Italia è stata di recente dedicata a Claudio Villa  una via, mentre un’altra strada col nome del  Reuccio esisteva  già a Roma.

Alberto Sordi, Anna Magnani sono altre eccellenze artistiche alle quali sono state intitolate delle strade.
Ma trattasi di personaggi morti da anni.
Negli Stati Uniti a Detroit hanno dedicato una via ad Aretha Franklin, la regina del soul.
La Franklin ha ringraziato piangendo gli abitanti di Detroit per l’onore ricevuto.Ma cosa significa veramente per la nota cantante nata nel 1942 a Memphis, nel Tennessee, un tributo  del genere?
Di religione battista, l’artista è  figlia di un ministro di tale culto.

La strada a lei intitolata potrebbe rappresentare il riscatto dei neri, che verso la fine degli anni Settanta si trovarono in vantaggio numerico, avendo molta della popolazione bianca di Detroit abbandonato la città, diventata da anni la capitale dell’industria automobilistica , dunque una città operaia. Adesso i neri sono l’82,7 per cento della popolazione.

Aretha Franklin è il simbolo del riscatto della gente di colore, ottenuto con le sole doti artistiche.
La carriera di Aretha dopo essersi dedicata al gospel, poi al soul e infine al pop, ebbe un declino alla fine degli anni Settanta, con l’affermazione della disco-music.

Poi il ritorno al successo proprio con brani disco, come Freeway of love e poi i duetti con George Michael, Elton John, Whitney Houston, Annie Lennox.

Aretha Franklin, The Blues Brothers
Era nata una nuova Aretha, quella che può far tutto e bene, anche salire nelle classifiche, in vetta, senza il timore di essere tacciata come “commerciale”. I premi Grammy vinti non si contano, una quindicina, forse più.
Autrice del libro From these roots, del 1999, per la rivista Rolling Stones la Franklin è al primo posto dei cento artisti citati come più grandi.
Giustissima la intitolazione di una via per questa cantautrice che in gola ha un’intera orchestra.

Lascia un commento