Panino con l’insalata alla caprese: perché fa litigare mariti e mogli

di Romolo Ricapito
In televisione oggi in un programma condotto da Elisa Isoardi parlavano del panino con l‘insalata alla caprese.

Sono i classici piatti pratici estivi, facili da preparare e da portare con sé per una giornata al mare, per un pranzo veloce e senza problemi.

Elisa Iosardi

Ma proprio questo tipo di usanza, tipica del Sud Italia, si scontra con le istanze di certi mariti che, col retaggio di pranzi luculliani “marini” come si usava una volta, vedono la preparazione di piatti così “semplici” come una forma di sciatteria da parte delle mogli, che secondo loro  si stancherebbero di cucinare.

Dunque al panino alla caprese si dovrebbe aggiungere, nelle intenzioni di costoro, una pasta al forno portata in spiaggia nei classici contenitori di plastica per alimenti, unitamente ad un branzino.
Si parla di coppie ancora giovani, sotto i 50, ma le cui istanze divergono.
Le mogli, che badano alla linea e magari tutto l’inverno hanno frequentato le palestre, ci tengono che anche i mariti si mantengano in forma.
Spesso sono proprio questi mariti “protestatari”, da me citati, che sfoggiano antiestetiche pance e rotolini di ciccia, che fanno il paio con la sedentarietà.
Ed un conto è nascondere il tutto nei vestiti invernali, ma l’estate le pance appese potrebbero sconfessare agli occhi del pubblico le mogli, colpevoli di cucinare troppo, con troppa abbondanza o di alimentare in maniera impropria i mariti.Con la moda delle varie diete (Lemme, Lambertucci etc) il marito sovrappeso riveste dunque un’ombra sull’operato delle consorti che, per non fare brutta figura, sottopongono in extremis i mariti “ciccioni” a diete d’urto, che comprendono appunto il panino alla caprese o la bresaola.
Di riflesso, spesso questi mariti   inadempienti sul campo dell’alimentazione osservano in maniera critica le giovani bagnanti, o le mogli altrui, criticando grassi superflui o rigonfiamenti ad altezza delle cosce delle bellezze al bagno.
In pratica, chi è in difetto esige dall’altro sesso la perfezione.
E a questo punto le mogli, da un lato ferite dall’ammirazione anche se critica dei propri uomini nei confronti delle altre, fanno buon viso a cattivo gioco: disprezzare le disfunzionalità altrui assume l’aspetto di una sorta di confronto con le proprie donne , sotto sotto gelose.
Dunque per concludere il panino alla caprese tornerà in tavola, unico e solo e privo di pietanze accessorie, come rivalsa e vendetta delle mogli che esigono il rispetto delle regole, anche a tavola, ma soprattutto in vacanza.

Lascia un commento