“EUROPA .UN RAPIMENTO DEI SENSI TRA MITO E MISTERI” a Lecce All’ Ombra del Barocco di Liberrima

Pompea Vergaro
Pompea Vergaro
Pompea Vergaro

EUROPA .UN RAPIMENTO DEI SENSI TRA MITO E MISTERI” a Lecce All’ Ombra delBarocco di Liberrima. Il CAFFÈ EUROPEO presenta sabato 3 giugno 2017 alle ore 18:00 a Lecce nel

Ristocaffè All’ Ombra del Barocco di Liberrima il saggio di Maria Pompea Vergaro“EUROPA IN ARTE E LETTERATURA. Un rapimento dei sensi tra mito e mistero”L’Officina delle Parole ed.
L’incontro è organizzato in collaborazione con L’Officina delle Parole, Università del Salento, Europ Direct del Salento, Commissione Europea.
Interverranno: l’autrice Pompea Vergaro; Annarita Miglietta, docente di Linguistica Italiana-Università del Salento. Voce narrante, l’attrice Annamaria Colomba; percorsi musicali al flauto il maestro Gianluca Milanese. Modera Simona Ciullo, segretaria Regionale del MFE-Puglia. Il breve saggio di “EUROPA IN ARTE E LETTERATURA. Un rapimento dei sensi tra mito e mistero” nella collana I SUSSULTI DELLE SCRITTURA” di Maria Pompea Vergaro , si snoda fra preziose immagini di opere d’arte, dall’età ellenica al ‘900, fra poemi, prose e tante curiosità dedicate alla giovane donna che diede il proprio nome a un grande Continente! Il “Ratto di Europa” le cui vicende hanno conquistato poeti e artisti che le hanno tramandate lungo i secoli, fin dai tempi della trasmissione orale e, successivamente, affondando i passi nel periodo classico, giunge fino ai nostri giorni poichè rappresenta il Mito fondante della nostra cultura.
Simona Ciullo
Simona Ciullo
Il Mito vuole l’intrepida Europa rapita da Zeus, trasformato in un candido e mansueto toro. E poiché come sempre l’arte e la scrittura aprono inaspettati orizzonti, l’intrigante storia
si svolge sull’interrogativo se la giovane donna fenicia sia stata realmente vittima di un rapimento oppure si sia trovata in circostanze tali, avviluppata da una forte e improvvisa passione dei sensi, tanto da allontanarsi repentinamente dalla propria terra. Europa fu dunque rapita o fuggitiva? La domanda è legittima se si volge lo sguardo alle opere degli artisti dalle quali traspare che, tutto sommato, la fanciulla non fu propriamente rapita, ma sicuramente consenziente fuggitiva, ben felice di lasciare la propria terra verso una nuova vita e, oltretutto, in groppa a un dio!
E cosa le accade di tanto speciale?
​Dopo la fuga dalla costa del Libano, dove viveva fanciullescamente felice, giunge all’isola di Creta divenendone non solo regina, ma avrebbe dato il nome al Continente Europa.
Un Mito affascinante che giunge da molto lontano, ma tanto vicino e attuale!

 

Lascia un commento