BARI- Rassegna di eventi culturali presso la Chiesa Russa

chiesa russa bari
 La  Fondazione Nikolaos e la Confcommercio Bari presentano la Rassegna di eventi culturali presso la Chiesa Russa (19-26 maggio – Chiesa Russa, Bari). Al termine del mese dedicato alle celebrazioni del Santo Patrono di Bari, la Fondazione Nikolaos
e Confcommercio Bari presentano una rassegna di eventi culturali e artistici che si svolgeranno presso la
Chiesa Russa di Bari (Corso Benedetto Croce, 130).
Si parte con“Bari 1087 – I Costumi della Traslazione”, esposizione di abiti storici nata dall’idea e dalla direzione artistica dello scenografo e costumista Luigi Spezzacatene, che si propone di offrire ai visitatori uno spaccato della città di Bari del 1087.
Una data, quella del 1087, dall’elevato valore simbolico, poiché con essa si fa coincidere il momento in cui i suoi cittadini, attraverso l’atto del trafugamento delle ossa, hanno deciso di identificarsi nel nome del Santo di Myra, Nicola. Con“Bari 1087– I Costumi della Traslazione”si affronta un viaggio ideale nella città dell’XI secolo, attraverso un’attenta ricostruzione dei costumi dei protagonisti dell’impresa, e grazie alla suggestiva cornice offerta dalla Chiesa Russa. La mostra, che sarà inaugurata venerdì 19 maggio alle ore 17.30, sarà visitabile gratuitamente fino al 26 maggio, dalle
9.00 alle 19.00. Giovedì 25 maggio, alle17.30, sarà la volta di Flumine, il concerto del musicista barese
Giuseppe De Trizio che propone un itinerario sonoro, acustico e strumentale attraverso quindici composizioni originali per chitarra classica e mandolino
.
Dopo oltre vent’anni di musica con Radicanto, Raiz e Teresa De Sio, il musicista barese propone un itinerario sonoro, acustico e strumentale attraverso quindici composizioni originali per chitarra classica e mandolino. Un percorso affascinante che tende ad intessere, attraverso una atmosfera intima, l’autore allo spettatore.
Quindici affreschi sonori che hanno accompagnato Giuseppe durante tutta la sua vita, fin dalla prima sua composizione, all’età di nove anni. Sentire la musica prima di averla ascoltata: questa la chiave di lettura che muove il percorso artistico del musicista barese, che commenta:
 “Il fiume mi scorre nel braccio, nei riflessi di un rigagnolo della strada di casa mia, nella posa che
ritrovo sotto il mio albero, un vaso bianco: infinito minimo. Flumine una corsa che non corre,
elementi distinti che si fondono, singolarità in sintonia. Il fiume è perseveranza, ed è mutazione,
tutti siamo acqua ma tutti siamo diversi ora limpidi, tranquilli, dopo torbidi o agitati, sempre scossi,
attraversati. Mutare nell’apparente immobilità. uscire dai bordi, abitando un letto. Torna e ritorna,
si ripete senza essere uguale, deve riportare senza fine, deve ridirti che può essere mare e lago,
vicinanza e distanza. Bellezza che scorre, note che viaggiano sulle corde, dita che conoscono il
ricordo, nostalgie risolte nell’acqua. Flumine scava dentro senza causa ed effetto.”
Per finire, venerdì alle 17.30, la Chiesa Russa farà da cornice al concerto Omaggio a San Nicola
a cura dell’ensemble di tromboni diretto dal Prof. Antoni Demarco e dell’ensemble strumentale
Nuova Armonia, composta da musicisti disabili e diretta dalla pianista Adriana De Serio, docente al Conservatorio di Musica Piccinni di Bari.
L’esibizione, dal tema “Musiche dal Mondo”, ripercorrerà attraverso la musica i principali
luoghi e tempi in cui è nota la presenza e la venerazione del Santo di Myra e sarà accompagnata da una proiezione di immagini sul tema “Valenze Iconiche della Spiritualità Nicolaiana” a cura del Prof. Donato Forenza.
Gli eventi sono gratuiti e rivolti a tutta la cittadinanza.
Pubblica il: 18 Mag 2017 alle 03 : 02

Lascia un commento