Presentatori che cantano in tv e stelle già decadute che si rinfacciano operazioni di chirurgia estetica: la tv ormai decaduta impera ovunque 

di Romolo Ricapito

Durante l’ultima puntata del Maurizio Costanzo Show ho visto il presentatore Gerry  Scotti alzarsi in piedi e intonare una canzone di Zucchero con l’orchestra.
Ho subito pensato che il problema della televisione oggi è questo: i vari personaggi  “Vip” e quant’altro non si accontentano della fama, della loro popolarità, ma adorano  sconfinare in altri campi che non sono i propri.
Naturalmente, facendolo, abbassano la qualità   del mezzo televisivo.
Ritornando a Scotti, non contento, nella stessa trasmissione e dopo la prima performance  ha intonato Knockin’ on heaven’s door di Bob Dylan.

Donatella Versace rovinata dalla chirurgia

Mentre sulla stessa rete, ma il giorno prima, due starlette femminili famose solo per vecchi reality show si scontravano, ma  anche si  scornavano, sull’aspetto esteriore reciproco, deturpato o comunque reso artificiale da operazioni di chirurgia plastica davvero poco riuscite .Ognuna accusava l’altra di essere rifatta e rifatta male.

Ovviamente tali stelline, non avendo un mestiere vero e proprio, adorano cambiarsi i connotati, per poi apparire pubblicamente trasfigurate e risultano diseducative soprattutto per se stesse, ma anche per gli altri.
Sembra che questa deriva generalizzata di mancanza di pudore ad esibirsi, in un verso o nell’altro, sia la causa principale dello scadimento del prodotto televisivo, ma dico di più: anche della perdita di audience di molti programmi. Il pubblico, deluso, frequenta per ripiego i social, oppure i concerti di musica dal vivo che sono in rialzo o, ancora, il teatro.

Valeria Marini eccessivamente marcata da lavori estetici
La cosa triste è che chi ha meno mezzi economici deve accontentarsi della televisione che produrrà anche qualità, ma certamente con minore frequenza rispetto al passato.

Lascia un commento