Ancora polemiche a I Bastardi di Pizzofalcone.La poliziotta lesbica scandalizza un onorevole di Area Popolare

di Romolo Ricapito

i-bastardi-di-pizzofalcone Alessandro Gasman e Carolina Crescentini
I bastardi di pizzofalcone. Alessandro Gasman e Carolina Crescentini

Scene di sesso tra due donne a I Bastardi di Pizzofalcone.

Un deputato di area cattolica ed ex ministro dei trasporti, Maurizio Lupi, protesta pubblicamente con una nota.
Va salvaguardata, secondo lui, la prima serata da comportamenti che potrebbero risultare incomprensibili a un pubblico non maturo.
Sarà. Ma siamo giunti ormai alla fine della teleserie.
I pruriti, o per meglio dire le tendenze sessuali della bruna poliziotta, erano evidenti sin dall’inizio. Che senso avrebbe censurare, per protestare (nel 2017) tali tematiche ?
On. Maurizio Lupi
On. Maurizio Lupi

Anzi la fiction sotto sotto è educativa: assieme alla condanna della criminalità, vuole asserire che certe preferenze sessuali possono sussistere in qualsiasi impiego.

Del resto, il personaggio della fiction in causa è un’efficiente poliziotta che dà il massimo di sé sul lavoro e che però nel privato fa quello che vuole.
Nella sceneggiatura però ella nasconde ai genitori le sue scelte e si inventa un fidanzato lontano.
Questo è triste, ma probabilmente realistico.
Quell’onorevole non “accetta” le scene di “sesso” tra donne.
Eppure leggendo Marcel Proust, attualmente il mio scrittore preferito, ho notato la descrizione dell’omosessualità femminile (in Sodoma e Gomorra) che in altri tempi veniva vissuta ma tenuta nascosta perché la società non approvava.
Invito il politico di cui sopra a fare meno oscurantismo e a preoccuparsi dei problemi seri dell’Italia.
Non gli procurerà un voto in più la tutela della cosiddetta morale pubblica.
Non abbiamo bisogno di nostri rappresentanti in Parlamento che ancora vogliono indirizzare e decidere quello che dobbiamo vedere,o non vedere, in tv.

Lascia un commento