Miss Helsinki: contestata elezione della bellezza nigeriana. “La più bella non sei tu”. E’ bufera in Finlandia

di Romolo Ricapito

Sephora Ikalaba
Sephora Ikalaba

Sephora Ikalaba, appena eletta Miss Helsinki, è stata contestata perché migrante, nigeriana e non rappresentativa della bellezza nordica.

Denny Mendez- Miss Italia 1996

La storia si ripete: nel 1996 Danny Mendez fu la prima Miss Italia di colore.

La Mendez, di Santo Domingo, si trasferì in Italia con la madre da giovanissima (a soli 11 anni)  e si naturalizzò.
All’epoca fu contestata da famosi personaggi dello  spettacolo, in particolare donne, che le dissero prima dell’elezione: non rappresenti la bellezza italiana.
21 anni dopo, in Finlandia ecco che avviene qualcosa di simile. “Non rappresenti la nostra nazione”.
A dirlo anche utenti dei social. L’accusa poi è più sottile quando riguarda un’ipotetica” intenzione di  soddisfare la politica terzomondista del politically correct” agevolando l’elezione di donne di colore.
Va detto che il colore della pelle potrebbe essere soltanto una caratteristica di una miss, italiana o finlandese.
Le altre: il portamento, un camminare aggraziato, cioè, poi un fascino che oltrepassa la persona fisica.

Sephora Ikalaba ha un bel corpo.

Sephora Ikalaba
Sephora Ikalaba

I lineamenti differiscono da quelli europei, soprattutto quelli nordici e sono  tipici della razza africana.

Miss Helsinki
Miss Helsinki

Dunque si tratta di punti di vista e maniere di considerare la bellezza secondo canoni istituzionali, o codificati. Questo alla base delle critiche.

Ma la giuria ha decretato che la più bella è la ragazza nigeriana.
Così come tanti anni fa in Italia venne scelta Danny Mendez.
Occorre rassegnarsi alla globalizzazione e alla società mista.
Inoltre un concorso di bellezza per il suo contenuto futile, contrario per certi versi alla dignità della donna, non è certo la cornice adatta  per riaffermare eventuali nazionalismi, inutilmente protezionistici.

E voi lettori che ne pensate sull’argomento? I vostri commenti a fondo pagina.

FacebookTwitterGoogle+WhatsAppEmailPrint

 

Lascia un commento