Originale esordio durante la replica dei  gruppi parlamentari sulla fiducia al Governo. Paolo Gentiloni come Luigi Tenco e Wilma Goich. “Se Stasera Son Qui…”

di Romolo Ricapito

Cantanti- Sanremo Conti

C’è stata una certa confusione da parte di alcuni commentatori, volutamente, che

ministri.governo gentiloni
Ministri-governo Gentiloni

hanno  ironizzato sulla nomina in contemporanea dei nuovi ministri da parte del presidente del Consiglio,  Paolo Gentiloni e la nomina dei 22 big di Sanremo da parte di Carlo Conti.I due mondi, quello politico e quello musicale, sembrano però sempre più coincidere. Durante la diretta pomeridiana  dalla Camera del 13 dicembre, ecco la replica del Presidente del Consiglio e le dichiarazioni di voto sulla fiducia al Governo da parte dei vari gruppi parlamentari.  Paolo Gentiloni ha introdotto il suo discorso con una citazione pop.

Carlo Conti

 

Paolo Gentiloniparlamentari.  Paolo Gentiloni ha introdotto il suo discorso con una citazione pop.
Rispondendo a chi accusava l’attuale esecutivo di non aver recepito il “messaggio” degli italiani conseguente al referendum, Gentiloni ha  esordito: ‘Come dice la canzone “Se  Stasera Sono Qui”…’
Come a dire, il messaggio è stato ricevuto e Gentiloni è qui per cercare di portare avanti l’Italia e condurla a cambiare il sistema di voto.
La canzone originale, scritta da Luigi Tenco, ma portata al successo da Wilma Goich nel 1967, recita: se stasera sono qui è perché ti voglio bene, è perché tu hai bisogno di me, anche se non lo sai.
Gli ultimi versi si adattano bene al neo premier  Gentiloni, o agli italiani.
Luigi Tenco, autore di “Se stasera sono qui”

Egli è qui perché abbiamo bisogno di un nuovo governo che ci conduca alle riforme necessarie prima del voto, auspicato da molti.

Anche gli italiani “che non lo sanno” devono, o dovrebbero, capire questo.
Paolo Gentiloni dimostra di volersi avvicinare al popolo non citando filosofi, storici o politici, ma un cantautore controverso: Luigi Tenco.

Lascia un commento