Scouting della Startup University : Prima tappa a Galatina

Sarà Galatina la prima città ad ospitare lo scouting della Startup University (http://startupuniversity.it), che continuerà fino a metà novembre in giro per la Puglia, alla ricerca delle 20 migliori startup a cui concedere l’accesso all’interessante e impegnativo programma di formazione avanzata e accelerazione “smart” organizzato da Startup Club.
GALATINA
GALATINA

La provincia di Lecce ha finora espresso tanti talentuosi startupper, motivo per cui confidiamo molto nel Salento per l’individuazione di nuove e interessanti realtà innovative.

Nella scorsa edizione dell’UniCredit Start Lab, evento di cui è partner in Puglia Startup Club, la startup meglio classificata è stata propria la salentina “Tactile Robots”, con il suo robot versatile e innovativo.

Il referente della sede di Galatina è Gianluca Palma, in questo periodo impegnato nella promozione della Startup University, contribuendo con grande passione e competenza alla selezione di alcune delle migliori startup salentine.

Gli eventi di scouting vedono come protagoniste le startup e i loro founders, per cui la maggior parte del tempo sarà dedicata a loro.

Dopo una breve presentazione della Startup University, cioè del percorso che dovranno affrontare le startup selezionate fino all’Investor Day finale, si passerà a quella dei partner e dei mentor del programma, in particolare dei presenti all’evento.

La parola passerà quindi alle startup, le quali avranno a disposizione 5 minuti per incuriosire e catturare couting della Startup Universityl’attenzione dei mentor e degli imprenditori presentiIl primo dei 4 eventi di scouting previsti per la selezione delle migliori 20 startup per la Startup University si terrà a Galatina e sarà ospitato presso la sede locale di “Programma Sviluppo”, centro di eccellenza per lo sviluppo locale nato nel 2002 come associazione del mondo accademico per promuovere l’innovazione nei processi formativi, servizi per l’impiego e contribuire allo sviluppo del tessuto economico locale.Programma Sviluppo è soggetto attuatore in Puglia della gestione di 400 borse lavoro finalizzate all’inserimento lavorativo ed alla creazione di start-up innovative. Fra i servizi erogati vi sono: la formazione avanzata in diversi settori, in collaborazione con università ed istituzioni; il supporto alla creazione di nuove imprese innovative e spin-off universitari; la valorizzazione e il trasferimento tecnologico dei risultati della ricerca a favore delle imprese.

La presentazione del progetto può avvenire sia con l’utilizzo di un pitch, come solitamente avviene nelle startup competition, sia in qualsiasi altra maniera ritenuta efficace, anche semplicemente a voce.

Al termine delle presentazioni gli esperti valuteranno le startup individuando le 3-5 più vicine alle esigenze di open innovation delle aziende partner e agli obiettivi della Startup University.

Le startup selezionate parteciperanno all’evento di Bari del prossimo 22 novembre in cui saranno assegnate le borse di studio per la Startup University.

Innanzitutto occorre che chi partecipa abbia chiaro l’obiettivo della Startup University: aiutare le startup a validare il loro business model in tempi stretti, vale a dire in circa 4 mesi.

Ciò implica un costante impegno da parte degli startupper, che devono essere particolarmente motivati e determinati e soprattutto riuscire a dimostrare – a fine percorso – che la loro startup ha un mercato ed è quindi in grado di fatturare in tempi brevi.

Altro fattore determinante è che la startup abbia già un MVP (Minimum Viable Product), cioè un prodotto dotato delle funzionalità basilari, in grado quindi di poter essere testato sul mercato. Andrà bene una versione beta di un’app o software oppure un prototipo del prodotto.

Gli startupper, inoltre, devono cercare di incuriosire e interessare i presenti, non certo con “effetti speciali” oppure, come spesso accade, lanciando numeri da “nuova Facebook”.

Fate comprendere in modo chiaro e immediato cosa fa il prodotto/servizio e quale problema/esigenza abbastanza diffusi risolve, perchè se manca questa qualità spesso significa che manca un mercato.

Non è secondario il team della startup, sia nel senso di avere le competenze necessarie, sia perchè le qualità personali sono le fondamenta su cui costruire il successo.

https://www.facebook.com/events/1950935461800059/

 

Lascia un commento