Massimo Giletti in diretta sbotta contro Pippo Baudo. Perché dietro le quinte alla Rai non regna la pace

Massimo Giletti- l Arena

di Romolo Ricapito

arena-giletti-furiosoLa “lite” a distanza tra Massimo Giletti contro Pippo Baudo. Il primo, seccato dalla presunta insofferenza dell’altro per aver sforato col suo programma L’Arena, che avrebbe rosicato minuti a Domenica In, si è appellato a una vecchia polemica.

Quando cioè Bruno Vespa si innervosiva per lo  sforamento dei programmi in prima serata di Pippo, lamentandosene all’inizio  del suo Porta a Porta.
La reazione di Giletti mi ha colpito: vuol dire che in Rai, dietro i sorrisi e le facce amichevoli, si nasconde l’insofferenza.
Lo stesso Massimo Giletti aveva detto, poco tempo fa, di essere a conoscenza  di non essere molto amato, anzi di risultare antipatico nell’azienda a “qualcuno”, ma che comunque facendo molti ascolti andava avanti per la sua strada.
Certo, Giletti ha rivelato memoria da elefante nel ricordare la polemica Baudo -Vespa.
1469514201237-jpg-pippo_baudoDieci anni fa poi, esattamente nel 2006, era comparsa a sorpresa sulla stampa una dichiarazione di Massimo Giletti, che sosteneva “Non sono l’amante di…”
Egli faceva il nome di un importante dirigente televisivo di Rai Uno, col quale gli veniva attribuita dai maligni  una relazione, epperò inesistente.
Ripensando a questi veleni, attuali o pregressi, mi viene da riflettere: ma quale clima “sotterraneo” regna a Rai Uno?
A volte ne uccide più la parola dei coltelli. In ogni caso  gli spettatori, costretti a pagare il canone incluso nella bolletta, se non ignari potrebbero dichiararsi infastiditi da queste contese, che non migliorano la qualità della televisione, anzi l’affossano. Perché se i conduttori si azzannano, quale bell’ esempio di tolleranza  e buon vicinato offrono al pubblico? Soltanto  l’immagine di una spietata competitività.

Lascia un commento