La guerra degli Oscar: Paolo Sorrentino contro “Fuocoammare”. Perché non ha ragione

paolo sorrentino

di Romolo Ricapito

Giancarlo Rosi
Giancarlo Rosi nel 2006

Paolo Sorrentino contro la candidatura agli Oscar del film italiano Fuocoammare.

Per l’autore di La Grande Bellezza il film di Giancarlo Rosi non è adatto alla gara.
“Andava proposto nella categoria dei documentari”, la giustificazione.
Comunque Fuocoammare ha già vinto come  Miglior Film al Festival di  Berlino.
La scelta di un’apposita “giuria” di esperti non appare dunque così peregrina.
Personalmente non ho visto il film che è in corsa per l’Oscar : per entrare nella “cinquina” definitiva dei probabili vincenti occorrerà però aspettare gennaio.
Una scena del film FUOCOAMMARE
Una scena del film FUOCOAMMARE

Comunque trovo la polemica di Sorrentino sterile.

Non ho visto Fuocoammare, ma dalle immagini trasmesse in tv ho dedotto che comunque gode di ottime riprese e fotografia.
Questo è un buon punto di partenza, poi l’Orso d’Oro a Berlino è un ottimo biglietto da visita per l’America.
Paolo Sorrentino ha in  aggiunta dichiarato di preferire  un altro film: Indivisibili.
Al momento in cui scrivo però tale pellicola non è ancora arrivata nelle sale e non si conosce il giudizio del  pubblico pagante, che almeno qualcosa dovrebbe significare.
Tornando a Sorrentino penso che lui, già vincitore di un  Oscar, doveva dimostrare più sportività e non remare contro  un collega, tra l’altro apprezzato.
Anche per un fatto: molti in Italia non hanno condiviso l’Oscar assegnato al suo La Grande Bellezza.
Un numero non indifferente di spettatori l’ha considerato, a torto (o forse  a ragione) un’opera estetizzante e indigeribile.

Lascia un commento