Oliviero Toscani e il commento-choc su Tiziana Cantone, la ragazza vittima del web. Perché Paris Hilton fu venerata e lei invece crocifissa?

tiziana cantone

di Romolo Ricapito

 
Oliviero Toscani
Oliviero Toscani

Oliviero Toscani, il commento-choc sulla ragazza di Napoli che si è uccisa per un video hard: “era un po’ fessacchiotta”.
Il tono irrispettoso della dichiarazione controcorrente è stato stigmatizzato nella trasmissione televisiva di Rai Uno “Storie Vere” condotta da Eleonora Daniele.
L’aggettivo che faceva della vittima una ragazza sciocca è certamente censurabile.
Epperò il fotografo, celebre per molte campagne pubblicitarie discusse e discutibili, ha anche detto qualcos’altro che sinceramente condivido.
La ragazza aveva condiviso volontariamente i suoi video compromettenti con alcuni amici, per giunta maschi o così si è detto nella trasmissione Rai.
A sua giustificazione, posso ammettere che lo ha fatto perché depressa, come qualcuno, ancora, ha enunciato.
Epperò pubblicizzare la propria intimità, con altri, pur se amici, non mi sembra una cosa “ovvia”.

Paris Hilton
Paris Hilton

Indagherei quindi sulle cause che hanno portato questa povera ragazza in una sorta di cupio dissolvi che ne ha determinato il suicidio dopo la condanna sociale.
Una donna (apparentemente) libera, disinibita, fa paura alla gente.
Da qui l’etichetta di “poco seria”.
Ma questa apparente spregiudicatezza nasconde anche della fragilità. Di più: insicurezza.
D’altronde, basta ricordare la vicenda di Paris Hilton. Anche di lei fu diffuso un video hard, girato col fidanzato.
Il risultato, dopo lo scandalo, è che la Hilton è diventata ancora più popolare, girando film, incidendo dischi e firmando contratti.
Due pesi e due misure.
La vicenda della ragazza campana e l’altra, antecedente, della miliardaria statunitense.
Il primo caso ha rivelato tutto il provincialismo, i tabù e le ossessioni delle quali l’Italia è ancora afflitta.

Lascia un commento