BARI: Parte il percorso di partecipazione sull’innovazione tecnologica 

11-05-16 open day agenda digitale

Open Day su Agenda digitale 2016-18

TOMASICCHIO: “C’è fame di digitale e i numeri lo confermano”

Angelo Tomasicchio
Angelo Tomasicchio

a cura di Magda Lacasella

Si è tenuto questa mattina, nel Centro polifunzionale per studenti dell’Università “Aldo Moro” (ex Palazzo Poste), l’Open Day, l’evento pubblico ideato dall’assessorato all’Innovazione per costruire insieme ai cittadini l’Agenda digitale 2016/2018, il complesso di azioni da realizzare per sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie digitali in favore dell’innovazione dei servizi e della crescita economica della città di Bari.

All’incontro odierno, nel corso del quale sono stati presentati e discussi i contenuti del documento in fase di elaborazione, hanno partecipato oltre 150 persone che hanno così attivato il percorso partecipativo. I partecipanti hanno costituito quattro tavoli tematici: “cittadinanza digitale”, “servizi al cittadino ed e-government”, “smart city ed internet delle cose” e “open data”. Dai gruppi di lavoro sono nate proposte e progetti il cui report sarà comunicato nei prossimi giorni.

open day 2016-2018

“C’è fame di digitale a Bari e i numeri di oggi lo confermano – ha dichiarato l’assessore Tomasicchio -. Vi sono state una larga partecipazione e un’inaspettata platea composta da cittadini di tutte le età, da imprese del settore ed esperti del mondo dell’innovazione tecnologica. Questa è la prima esperienza di partecipazione finora mai realizzata su queste tematiche, e per questo abbiamo deciso di dare continuità al percorso attraverso la costituzione delle cosiddette “fattorie tecnologiche” all’interno delle quali cittadini, imprese, professionisti e tutti gli stakeholders potranno fornire il loro contributo per realizzare la città digitale che vogliamo. Tra le priorità emerse oggi, sicuramente vi sono temi rilevanti come l’omogeneità del sistema operativo relativo alle telecamere di videosorveglianza, l’univocità del sistema di accesso ai servizi online tramite un’unica piattaforma, l’efficienza energetica, l’estensione delle aree wi-fi pubbliche, l’implementazione degli open data e dei servizi online, a partire dal portale istituzionale del Comune, l’alfabetizzazione informatica e la rigenerazione dei pc obsoleti di proprietà dell’amministrazione da donare ai futuri cittadini digitali. In questi giorni, alla luce delle proposte avanzate, definiremo l’Agenda digitale 2016/2018 per presentarla alla città”.

Al termine della giornata gli interessati hanno avuto la possibilità di iscriversi gratuitamente a corsi online Cisco Academy sulle tematiche delle smart city e dell’alfabetizzazione informatica (corsi messi a disposizione dall’Accademia del Levante). Gli iscritti, al termine del corso online e dopo aver superato un esame finale, riceveranno un certificato Cisco Academy.

Lascia un commento