Manduria: petizione per salvare le oloturie

a cura di Magda Lacasella

La petizione di Progressi per vietare la pesca delle oloturie che sono indispensabili per l’equilibrio dell’ecosistema marino.

Le oloturie di Manduria, in Puglia, rischiano l’estinzione a causa della pesca incontrollata da parte di contrabbandieri su tutta la costa.

Su Progressi parte subito la petizione per salvare il cosiddetto “cetriolo di mare” e vietarne la pesca.

A lanciare l’appello è il comitato locale Salviamo le Oloturie, costituitosi per contrastare  il crescente giro d’affari legato al commercio di questa specie che rischia di causarne l’estinzione.

L’oloturia, specie fondamentale per il riciclo dei nutrienti e per la pulizia dei fondali marini, vale molto nei mercati orientali, dove è destinata all’industria alimentare e cosmetica.

Si teme per il mancato rispetto degli standard igienico-sanitari legato alle attività non autorizzate che metterebbe a rischio, quindi, anche la salute dei consumatori.

Il Comitato chiede al Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti, al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e al Sindaco di Manduria Roberto Massafra di vietare la pesca di oloturie su tutta la costa, di sanzionare il traffico illegale del cetriolo di mare e di realizzare un allevamento per consentire la pesca controllata.

“Questo trend di prelievo indiscriminato in rapida crescita anche nei nostri mari rappresenta un rischio per la sopravvivenza degli stock naturali presenti nel Mediterraneo – afferma Elvira Tarsitano, docente di biologia animale all’Università di Bari – Questa fortissima domanda, che pone problemi legati ad un sovrasfruttamento della risorsa con gravi implicazioni sia tipo ambientale che igienico-sanitario, richiede l’adozione di misure adatte a contrastare questo fenomeno e va tenuta in debita considerazione”

E’ possibile firmare la petizione sul sito di Progressi al link https://www.fare.progressi.org/p/salvaleoloturie

Contatti:

Chiara Satrnino, +39.329.7219567, chiara@progressi.org

Nicolò Giangrande, +39. 347.0813409, nicolo@progressi.org

web: www.progressi.org, twitter: @fareprogressi facebook: fareprogressi

Lascia un commento