RUVO: Alla Pinacoteca Comunale il giornalista Stefano Savella e i ragazzi dell’ITC Tannoia, si incontrano per parlare di Nazionalismi.

STEFANO SAVELLA -RUVO

Dopo il dibattito sui nazionalismi e la federazione europea i ragazzi dell’ITC Tannoia hanno presentato, “Il treno della Memoria” in un incontro organizzato dall’AEDE (associazione italiana degli insegnanti) e dal Comune di Ruvo.received_917707781681137di Clelia Conte

Dal passato al presente, dalla storia all’attualità, dalla memoria alla vita. Come nella fotografia utilizzata nel manifesto di presentazione dell’evento che si è svolto lunedì 29 febbraio presso la Pinacoteca comunale di Ruvo di Puglia: un filo spinato dietro il quale giovani uomini, donne e bambini attendono di arrivare in un futuro più sereno, senza povertà e senza guerra. Una foto così simile a quelle dei campi di concentramento nazisti raccolte nei libri di storia, e invece scattata in Grecia nel 2016 raffigurante i profughi siriani in fuga dalla guerra e diretti nel resto d’Europa.

Pia Olivieri- RUVO di Puglia- AEDE
Pia Olivieri (AEDE)

«Se rinascono i nazionalismi… che fare? Oltre la memoria» è stato il titolo dell’incontro, organizzato dalla locale sezione dell’AEDE e dall’Amministrazione comunale. Dopo un’introduzione della professoressa Pia Olivieri (AEDE), che ha ricordato le difficoltà dei docenti nel proporre itinerari didattici che facciano apparire la Giornata della Memoria qualcosa di più di una mera ricorrenza, ha preso la parola Stefano Savella, giornalista pubblicista e blogger esperto di politica europea. Con l’ausilio di alcune mappe, e partendo dal ricordo del ventesimo anniversario della fine dell’assedio di Sarajevo, il 29 febbraio del 1996, la relazione ha posto al centro le attuali sfide che vive l’Europa a partire dall’avanzata dei nazionalismi in tutti gli Stati membri dell’Unione Europea, che rischiano di far tornare nel Vecchio Continente frontiere e fili spinati che sembravano essere ormai dimenticati. Numerosi sono stati gli interventi per riflettere con Savella  (anche componente dell’Movimento Federalista Europeo) sulla federazione europea

Stefano Savella
Stefano Savella

Frontiere che i giovani di oggi non hanno mai conosciuto, perché nati dopo la firma del trattato di Schengen e addirittura dopo la fine del conflitto nei Balcani. E proprio un gruppo di giovani studenti dell’ITC “Tannoia” di Ruvo di Puglia, accompagnati dalla professoressa Ippedico, ha animato la parte finale dell’incontro, dedicata al loro recente viaggio con il “treno della memoria” nei campi di detenzione di Fossoli, Terezin, Birkenau e Auschwitz.

 Studenti dell'ITC Tannoia e la Prof.Ippedico
Studenti dell’ITC “Tannoia” e la Prof.Ippedico

Un racconto filmato che ha emozionato tutto il numeroso pubblico presente, e che è stato utile a ricordare a tutti che le tragedie della guerra vissute in Europa nel Novecento hanno lasciato tracce terribili che nessuno può permettersi di far rivivere.

Assessora Elisabetta Altamura- Ruvo di Puglia
Assessora Elisabetta Altamura- Ruvo di Puglia

SAM_0391

 

Lascia un commento