Labbroni essenziali per la seduzione? La regina del burlesque Dita Von Teese intanto sfoggia uno splendido rossetto sulle sue naturali labbra seducenti

Dita Von Teese-labbroni-chirurgia plastica-rossetto-dive-milva-alighiero noschese
di Romolo Ricapito
marilin monroe-rossetto-labbra-chirurgia plastica
Marilin Monroe

Dita Von Teese, regina del burlesque in America: alla popolare star il sito Tmz dedica un servizio incentrato sul suo rossetto.

labbra- di- Alba Parietti-rossetto-chirurgia plastica
labbra di Alba Parietti

La cura delle labbra in dive con più di 40 anni è fondamentale, più di quella del viso. La Von Teese ha abolito il classico make up strabordante per fare visualizzare bene la sua bocca.

Anni fa, inscenò per beneficenza un strip a cavallo di un…rossetto gigante.
Anche in Italia, la cura della bocca in attrici affermate, ma soprattutto showgirl, è diventata essenziale.

Ma di rossetto ne occorre moltissimo, viste certe labbra incredibili per grandezza.

labbra esagerate di Valeria Marini
labbra esagerate di Valeria Marini
Cantanti popolarissime negli anni Sessanta ritornano con labbra troppo “accresciute”, che esse affermano  essere naturali.
“Naturale” era invece ad esempio la  bocca di Milva, di grandi       dimensioni, che negli anni Settanta veniva presa in giro dalle imitazioni del bravo Alighiero Noschese.
Adesso invece il fare risaltare le labbra con rossetti dai colori accecanti è diventato più importante  del trucco sul viso e di quello degli   occhi . Nell’immaginario di molte starlette la bocca sarebbe uno strumento d’attrazione potentissimo.
Milva-rossetto-chirurgia-alighiero noschese-bocca-rossetto
Milva
chirurgia plastica- "circense"
chirurgia plastica “circense”

Chirurghi plastici famosi riuniti in congressi mostrano fotografie di noti personaggi femminili dello spettacolo con labbroni ridondanti, definiti dai  loro fans “canotti”.

Tali testimonianze di chirurgia plastica “circense” diventano un esempio, per gli esperti di “restauri” sulle donne, da non seguire, nonostante poi questi stessi  labbroni passino per “armi  di seduzione” e non di “distruzione” dell’eros e della bellezza, da non imitare, ma soprattutto da non accontentare in soggetti particolarmente refrattari al buon gusto e a un’immagine di sé  che non sia troppo stravolta.

Lascia un commento