Band Emergenti: i Mema. Intervista esclusiva. Dopo l’apertura del concerto del 17-12 dei Nomadi lanciano un appello agli impresari del Sud Italia: “chiamateci, verremo!”

di Romolo Ricapito
I Mema: band pop rock di tendenza che si sta facendo notare nell’ambiente musicale, gradino dopo gradino.

A loro l’onore dell’apertura del concerto per beneficenza dei Nomadi tenutosi il 17 dicembre a Piacenza Expo. Ne hanno parlato anche Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti nella popolarissima trasmissione Striscia la Notizia.
Essere accostanti a un gruppo storico della musica italiana (fondato nel 1963 dal compianto Augusto Daolio 1947-1992  e da Beppe Carletti  1946  è propedeutico per  una lunga carriera (si spera) lunga quanto quella dei precursori del pop italiano, che assieme ai Pooh sono considerati ormai delle star da Guinness dei Primati per durata e vendita dei dischi.
Ma conosciamo più da vicino i Mema.
 L’apertura del concerto dei Nomadi a Piacenza Expo (17 dicembre) a sostegno degli alluvionati segna uno spartiacque nella vostra carriera, avviata nel 2013?

Ciao! Grazie per lo spazio che ci concedete innanzi tutto! Segna di certo un momento importante, un momento dove poter portare la nostra musica davanti a molte persone che effettivamente non sono li per noi ma per i NOMADI e che non sono quindi il nostro pubblico. Segna quindi un momento di possibilità più che di spartiacque…da giocarsi bene!

La voce femminile di Elena Bonanata sembra predominare nel vostro ep “Il Sole non è irraggiungibile”. Come è avvenuta la spartizione dei ruoli e qual è il ruolo degli altri componenti?

Elena è la voce, Andrea la chitarra e autore, Marco la batteria e Maurizio al basso! Ognuno di noi ha studiato per anni il proprio strumento e ancora lo facciamo con passione! Essere una band emergente significa fare anche molte cose che riguardano ben poco la musica…ma ci sono anche quelle! Ognuno di noi è addetto a qualcosa, social, mail….impariamo facendo le cose! Per ora la piccola macchina sembra funzionare….speriamo diventi una FERRARI TESTAROSSA! 

Sembrerebbe che la vostra attività sia maggiormente concentrata nel nord Italia, situazione geografica all’interno della quale siete più conosciuti. E per quanto riguarda il sud?

Amiamo il sud…e facciamo quindi un appello: locali del sud…chiamateci a suonare! Crediamo che il sud sia vivo e forte di una creatività viscerale e portare il nostro lavoro anche al sud sarebbe meraviglioso!   

Qual è la particolarità del vostro singolo in promozione Lasciami Sognare?

NEL nuovo singolo che uscirà ufficialmente lunedì 21 dicembre sui digital store per l’acquisto e su soundcloud e youtube per l’ascolto in streaming, il tema del sogno e della speranza ricorrono nuovamente contrapponendo l’abbandono e la rassegnazione presenti nelle strofe alla speranza e al desiderio di trovare la serenità dei ritornelli. Può essere visto come un dialogo con la persona amata, o allo stesso modo un monologo interiore tra la negatività e la positività che fanno parte di ognuno di noi. Presentiamo anche un nuovo ARTWORK di Simone Verdi, giovane e promettente artista della china, che ha già collaborato con noi per la copertina del primo EP “IL SOLE NON è IRRAGGIUNGIBILE”. Insieme a Simone decidiamo di portare la sua arte un pezzo alla volta, per incuriosire e lasciar sognare chi guarda il suo lavoro…immaginando il risultato finale.  

 Che ne pensate del cast di Sanremo 2016?

Pensiamo che staremo a sentire….e incrociamo le dita per i giovani sinceramente…a quali ci sarebbe da dedicare molto più spazio!

Lascia un commento