BIBBI ESCI DALL’ACQUA DI BARBARA DE ROSSI: LA POPOLARE ATTRICE SVELA IL SUO UNIVERSO, PROIETTATA NEL FUTURO MA CON UN’ ATTENZIONE PARTICOLARE AL SUO VISSUTO , ASSIEME A QUELLO DELLE ALTRE DONNE

 

 ROMOLO RICAPITO

In Bibbi Esci dall’Acqua, “Una donna, tante donne, la forza di lottare per amore”Rizzoli, 17 euro, Barbara De Rossi mostra un’altra “Barbara” al di là del vetro.
Durante un viaggio in treno verso Torino, città nella  quale registra e conduce “Amore Criminale”, programma di successo di  Rai  Tre, osserva sé stessa “attraverso lo specchio” del finestrino del suo mezzo di trasporto.
Al posto dell’Alice di Lewis Carroll, c’è sempre lei, Barbara,  alle prese con la sua carriera, gli amori e i successi. Ma a contare  di più  sono i sentimenti, o le sue origini familiari.
Trovata un’interlocutrice adatta in Beatrice, misteriosa ragazza e viaggiatrice anche lei di prima classe, che si  svelerà a sua volta nel corso del libro ( metafora della sofferenza delle donne alle prese con  amori sbagliati, o illusori)  la De Rossi fa un bilancio del passato, ritrovandosi adolescente quando, durante una serata estiva, partecipa quasi per gioco a Rimini – a soli 15 anni- come concorrente di  un concorso di bellezza   ( “Miss Teenager “) che vince.
Veterinaria e non attrice era la sua vera  aspirazione: prendersi cura degli animali è sempre stato nelle sue intenzioni, ma anche occuparsi  di chi  in generale  risulta  più debole .
Questa forma di accudimento, o di empatia, sarà una costante della sua esistenza e verrà esercitata prima  sulla madre Sofia , donna di origine tedesca, ammalatasi a soli 47 anni di carcinoma mammario, poi sulla figlia Martina e infine verso le  donne più  in generale, quelle per esempio da lei intervistate negli studi di Amore Criminale, provate da relazioni sbagliate con partner violenti.
A tale riguardo, De Rossi intitola un capitolo 1522, numero anti-violenza che donne e ragazze sono chiamate a comporre in caso di abusi fisici o psicologici.
Contraria a finire sui giornali a causa del gossip, Barbara De Rossi parla anche di ciò che ha causato tali “equivoci”: una storia sbagliata con un uomo più giovane, del quale non fa il nome e che chiama semplicemente ” l’incantatore di serpenti”.
Il libro si compone come un puzzle seguendo anche un andamento cinematografico, con lanci nel presente e subitaneo ritorno al passato.
15 anni di matrimonio con Branko Tesanovic, ballerino serbo conosciuto in Ungheria sul set di un film, che le darà l’unica figlia, Martina, alla quale il libro è dedicato . Ancora,   un primo matrimonio con un operatore di   steady cam, Andrea,  incontrato  sempre sul set, che la tradisce con un’amica,  anche lei attrice.
Barbara non ne fa un dramma. Definita dal suo  scopritore Alberto Lattuada “una bellezza naturale e malinconica“, esordisce con Così Come Sei per poi interpretare La Cicala, sempre diretta dallo stesso Lattuada.
Due nomi fondamentali per il cinema italiano si uniscono momentaneamente al suo percorso come partner  di scena, e che nomi: Marcello Mastroianni e Virna Lisi. Quindi la popolarissima Piovra di Damiano Damiani e tanto altro ancora.
Investita di un compito speciale (angelo tutelare dei suoi congiunti)  per ordine della  madre, prima della dipartita  (  la definisce “la più forte della famiglia”) con , due fratelli più grandi,Germano e Marco e  un padre che apparentemente non sembra entusiasta del  suo destino di attrice, ma  in realtà la sprona a far bene, Barbara soffrirà sporadicamente di attacchi di panico, causati dal dolore della scomparsa precoce della genitrice , figura chiave della sua esistenza.
70 tra film e fiction39 anni di carriera, Barbara De Rossi si indispettisce però  ancora per  il gossip che la perseguita da quattro anni per una storia sbagliata di soli due anni, con colui che le riviste patinate -e non- definirono il suo toy boy. Ma fa autocritica: troppo entusiasta durante un’intervista televisiva con Massimo Giletti dove pareva esageratamente incantata dal suo “incantatore”, ritrova  la verità  anche attraverso l’ascolto dei drammi altrui, in particolare quelli dell’universo femminile.
Un minimo di giusta vanità iniziale ,”le creme per il viso per le attrici non possono essere scadenti”, Barbara De Rossi  riconosce alcuni problemi di sovrappeso che l’hanno perseguitata per anni, facenti seguito a delle cure,  nell’insofferenza di   sentire   registrare  i suoi mutamenti fisici  (e   quelli delle sue colleghe)   puntualmente additati al pubblico dalla curiosità dei giornalisti.
Ritornata in forma grazie anche alla sua partecipazione a Ballando con le Stelle, Barbara De Rossi rinasce  splendida nel corpo , ma per piacere soprattutto a sé stessa: finisce infatti di comune accordo il matrimonio  con Branko.
Bibbi esci dall’acqua vuole essere una confessione pubblica,  ma in particolare un libro dedicato alle donne, come sostenuto dalla stessa attrice : un volume  vertente ” le  incertezze,  gli errori e  la sua voglia di rinnovarsi”.
Adesso Barbara è ricca: di esperienze certo, contenuti e nuova energia vitale, collocandosi  in  una sorta di spartiacque: nostalgica, ma positivamente, verso il buono del passato, ad esempio quando il cinema negli anni Settanta richiedeva più attenzione e la giusta lentezza nell’esecuzione delle pellicole. Adesso il mondo è dominato dalla velocità: non fa eccezione quello  dello spettacolo, che vive l’accelerazione imposta dai tempi e dai mass media, i quali  si sono moltiplicati anche con la novità dei  social network e di  internet .
Anche un’attrice come lei può ritrovarsi dunque a scrivere su Facebook,  così’ come la sua confidente del treno, Beatrice, ricevendo ambedue   messaggi da sconosciuti che dietro a poetici omaggi  fatti di frasi galanti nascondono un volto  meno solare della   scrittura esibita.
Ecco allora ancora le storie oscure di  Amore Criminale, che Barbara De Rossi, a causa della naturale  empatia con gli altri, sente sotto la pelle, accusando disagio.
Tale stato però la rende più combattiva e maggiormente  in grado di sostenere le sue problematiche , sia sentimentali che di vita.
Dunque adesso non è più soltanto un’attrice bella e brava, amata dal pubblico e desiderata dagli uomini. E’ anche, ormai, una sorta di punto di riferimento per tante altre donne e ciò la gratifica e abbraccia, in attesa delle nuove soddisfazioni personali, che naturalmente verranno.

Lascia un commento