ARRIVA A BARI “SCATTI D’ENERGIA” CAMPAGNA DI ACTO ONLUS CONTRO IL TUMORE OVARICO

 

 

 A cura di Magda Lacasella

È stata presentata questa mattina a Palazzo di Città, alla presenza dell’assessora al Welfare del Comune di Bari, Francesca Bottalico, la quarta tappa di “Scatti d’Energia”, la campagna nazionale itinerante di informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico promossa da ACTO (Alleanza contro il Tumore Ovarico) Onlus, con il sostegno di Roche e il patrocinio del Comune di Bari.

Sono intervenuti alla presentazione la presidente di ACTO Onlus Nicoletta Cerana e la presidente di ACTO Bari Adele Leone; il ricercatore dell’Università di Bari – II Unità operativa di Ginecologia e Ostetricia del Policlinico di Bari Gennaro Cormio, il direttore dell’Unità di Oncologia Medica & Breast Unit dell’ospedale ‘Perrino’ di Brindisi Saverio Cinieri, i direttori delle Cliniche Ostetriche e Ginecologiche del Policlinico di Bari Ettore Cicinelli e Giuseppe Loverro.

Partita da Milano, dopo le tappe di Roma e Napoli, la campagna giunge ora a Bari, dove, fino a lunedì 18 maggio, davanti al palazzo dell’Economia, in corso Vittorio Emanuele, sarà allestita una mostra “open air” nella quale saranno esposti al pubblico i dodici ritratti di personaggi famosi, testimonial dell’iniziativa, che hanno accettato di farsi immortalare dal noto fotografo Dirk Vogel: gli attori Anna Bonaiuto, Jane Alexander, Lucrezia Lante Della Rovere e Claudio Santamaria, i cantanti Emma Marrone e Francesco Renga, star della televisione come Lorella Cuccarini, Paola Perego, Marina Ripa di Meana, la campionessa di scherma Elisa Di Francisca e gli archistar Doriana e Massimiliano Fuksas.

Queste fotografie d’autore, è stato spiegato, riescono a rompere il silenzio su questa malattia, che rappresenta il meno conosciuto ma, allo stesso tempo, il più insidioso dei tumori femminili. Per questo è fondamentale sensibilizzare le donne sull’importanza di riconoscerne i sintomi.

In Italia, il tumore ovarico colpisce circa 37 mila donne, millecinquecento in Puglia, e ben 300 nuovi casi diagnosticati ogni anno. Sempre nella nostra regione, questa patologia consente una sopravvivenza, a distanza di 5 anni dalla diagnosi, di meno di una donna su due. Questo perché ben sei donne su dieci non conoscono questa malattia, e siccome presenta sintomi non specifici e quindi difficili da riconoscere, alla diagnosi si arriva sempre troppo tardi, quando il tumore è ormai in fase avanzata. Con il risultato che le terapie hanno scarso successo.

“L’amministrazione – ha dichiarato l’assessora Bottalico – accoglie con entusiasmo la quarta tappa di un percorso che rende le donne realmente protagoniste della propria persona e quindi consapevoli del proprio destino, e si presenta, per noi rappresentanti delle istituzioni e operatori del benessere, come un modo di sentirsi davvero vicini alle vicende della nostra comunità. Riteniamo la prevenzione un aspetto fondamentale del welfare, e quindi questa iniziativa ci consentirà di ‘parlare’ ad ogni donna di prevenzione, perché sono proprio loro che spesso tendono a trascurarsi, sommerse dalle responsabilità del quotidiano. Scatti d’energia si presenta come una campagna di grande effetto, che parla alla gente con il linguaggio vivo di splendide immagini, capace di arrivare facilmente al cuore di chiunque”.

“Le donne non conoscono il tumore ovarico – afferma Nicoletta Cerana – e quindi non ne parlano, i media se ne occupano ancora troppo poco e anche la maggior parte delle donne che sono guarite o convivono con la malattia preferisce non parlarne. Scatti d’energia nasce nel 2010, quando alla donna che poi diventerà fondatrice e prima presidente di ACTO, Mariaflavia Bideri, a soli 45 anni, viene diagnosticato un tumore ovarico. E d’improvviso, si ritrova sola, in un mare di silenzio, senza punti di riferimento. Da allora, ACTO lotta quotidianamente per sconfiggere la malattia. Mariaflavia ha perso la propria battaglia, ma qualcosa è cambiato: oggi si è consapevoli che il tumore ovarico non è solo un problema di chi ne è colpito ma riguarda tutte le donne attente alla propria salute”.

“ACTO Bari – ha sottolineato Adele Leone – è presente nella quotidianità di queste donne, ad esempio consigliando a quale Centro clinico di riferimento per questo tipo di tumore ci si può rivolgere, offrendo un supporto psicologico, dando informazioni sulla malattia, sui trattamenti disponibili, sulle speranze che offrono oggi la chirurgia, la chemioterapia e le altre terapie innovative. Ci rivolgiamo anche alla popolazione femminile che non ha avuto il tumore ovarico, per offrire informazioni sulla prevenzione primaria e sui sintomi che bisogna interpretare appena si presentano. Prima si sconfigge questa malattia, meglio è”.

 

Scatti d’Energia è rivolto essenzialmente ai cittadini, che potranno fotografarsi e inviare i propri selfies con messaggio attraverso la pagina Facebook www.facebook.com/scattidenergia.

Sul sito www.scattidenergia.it si potrà accedere alla gallery con i ritratti dei testimonial e le informazioni sulla campagna.

Lascia un commento