PRESENTATO IL VILLAGGIO DEL GUSTO BARESE: DAL 7 AL 10 MAGGIO IN LARGO GIANNELLA 14 STAND PER LA PROMOZIONE DELLA GASTRONOMIA LOCALE

 

 

Redazionale

È stata presentata questa mattina, a Palazzo di Città, la prima edizione del Villaggio del gusto barese, organizzato dall’associazione De Gustibus Vitae, con la collaborazione di BirrotecaPuglia.it e il patrocinio gratuito del Comune di Bari, per valorizzare la gastronomia locale durante le celebrazioni per San Nicola. I dettagli dell’evento sono stati illustrati dall’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone, dal priore della Basilica di San Nicola Ciro Capotosto, dal direttore nazionale Assobirra Filippo Terzaghi, dal presidente onorario di mondobirra.infoPiero Conversano, dal consigliere delegato del sindaco alle politiche di promozione dell’attrattività turistica e commerciale Vanni Marzulli e dall’organizzatore Domenico Loiacono, che è anche produttore della birra San Nicola.

Alla manifestazione, in programma dal 7 al 10 maggio in largo Giannella, prenderanno parte 14 espositori provenienti dalla Terra di Bari che promuoveranno i propri prodotti gastronomici a partire dalle ore 17. Il Villaggio del gusto barese, allestito con 14 stand in legno su un tratto di circa 400 metri, offrirà dalla focaccia barese al pane di Altamura, dalla “brasciola” alla zampina, dai 24 tipi di birre alla spina esclusivamente pugliesi ai dolci locali.

“Grazie al lavoro fatto con gli organizzatori della manifestazione in questi mesi – ha dichiarato l’assessora Palone – avremo a Bari uno spazio in cui innanzitutto i baresi potranno divertirsi e mangiar bene. L’idea è quella di offrire una vetrina importante ai nostri prodotti enograstronomici d’eccellenza e di offrire al pubblico generi alimentari di ottimo livello durante il grande spettacolo che è la sagra di San Nicola. Noi abbiamo da subito sposato la bontà di questa iniziativa anche perché, per la prima volta in italia, si legano due esperienze così importanti: una festa della birra artigianale e l’immagine e i festeggiamenti di un santo. Questo succede quando i diversi attori di una comunità si mettono insieme e avviano un dialogo che parte dalla comune intenzione di valorizzare il nostro territorio e le sue peculiarità”.

“La prima edizione del Villaggio del gusto barese – ha detto Domenico Loiacono – nasce con l’obiettivo di valorizzare la nostra gastronomia e di promuoverla a prezzi popolari. Sono alimenti tipici dello street food ma di alta qualità e prodotti a chilometro zero. I menù sono stati selezionati dallo chef barese Maurizio Altamura, volto noto del programma televisivo ‘La prova del cuoco’, e dall’esperto gastronomico Sandro Romano”.

“Sono contento – ha sottolineato padre Ciro Capotosto – di partecipare personalmente e come rappresentante della comunità ecclesiastica a questa iniziativa che trae ispirazione dalla tradizione nicolaiana e dalla devozione al nostro santo patrono. E sono contento che manifestazioni come questa che promuovono le eccellenze del nostro territorio e coinvolgono tutti i cittadini in un momento di festa abbiano un’ importanza per un bene collettivo quale è la nostra Basilica. Infatti il 5% del ricavato totale sarà devoluto alla Basilica e utilizzato per il ripristino della facciata della chiesa vandalizzata dalle scritte. La basilica di san Nicola così come il nostro santo è un patrimonio della città da custodire e valorizzare”.

 

Queste le proposte del Villaggio del gusto barese:

 

– focaccia barese S.t.g. (Specialità tipica garantita)

– sgagliozze, popizze, frittelle e panzerottini realizzati con semola

– rimacinata di grano duro di Altamura

– patata fritta di Polignano

– panini con la “brasciola” barese

– calzoni ripieni con cipolla “sponsale”, ricotta di Andria, carne podolica pugliese

– panini gourmet

– ciabatta con mortadella di Martina Franca, stracchino di bufala e battuto di olive leccine

– rosetta con capocollo di Noci, stracciatella e rape stufate

– ciabatta di Laterza con salame del Gargano, caciocavallo della Murgia e patè di lambascioni

pane di Altamura farcito con porchetta di Grumo cotta al forno e verdure bio gligliate

– zampina, bombette e fegatini di Noci con vitello podolico D.O.P.

– panzerotti realizzati con “lievito madre” ripieni di mozzarella e pomodoro, carne, rape, ricotta “ashcuande”

– “Tronere” Turesi

– gelati senza glutine e lattosio

– gelato alla birra San Nicola e gelato al pane di Altamura

– gelato ai “chiaconi” (fichi secchi e mandole) e gelato alle olive celline

– pasticceria fresca artigianale della Terra di Bari

– “Tette delle monache”, pasta di mandorle.

 

 

 

Lascia un commento