SOSTEGNO ALLA FORMAZIONE DEGLI STUDENTI BARESI: TRE GIOVANI CONSIGLIERI MUNICIPALI PROPONGONO UN FONDO PER BORSE DI STUDIO

REDAZIONALE

 

Un fondo vincolato per sostenere la formazione di ragazzi residenti nella città di Bari. Si tratta dell’iniziativa di tre giovani consiglieri municipali di Bari, Carlo Patruno del Municipio 2, Giuseppe Fumai del Municipio 4 e Antonio Di Siena del Municipio 5, che hanno deciso di destinare una parte del loro compenso, derivante dall’attività amministrativa, alla creazione di un fondo per supportare l’istruzione di alunni delle scuole secondarie di secondo grado e di studenti universitari iscritti a corsi di studio impartiti dalle università pubbliche di Bari. La proposta, nata per andare incontro a quanti si trovano in difficoltà economiche, è aperta a tutti gli amministratori della città di Bari: il versamento dovrà essere effettuato entro il prossimo mese di novembre su un conto corrente dedicato, di cui unico beneficiario sarà il Comune di Bari. Nei prossimi giorni verrà reso noto il numero del conto corrente.

“Nel particolare momento storico che stiamo attraversando – dichiarano in una nota congiunta i tre consiglieri municipali – tra i principali problemi vissuti dalle giovani generazioni ci sono sicuramente quelli legati ai costi dell’istruzione, spesso troppo elevati per tanti ragazzi. Sono problemi che tocchiamo con mano ogni giorno. Noi siamo tre giovani consiglieri municipali, abbiamo avuto il privilegio di essere stati sostenuti e votati da tanti concittadini, molti dei quali nostri coetanei, e il nostro impegno in politica nasce proprio dalla convinzione che un’amministrazione è valida solo se sa ascoltare e se riesce a lavorare con i cittadini. Per questo, durante questi mesi di lavoro, abbiamo prestato attenzione alle esigenze dei territori che rappresentiamo e abbiamo deciso insieme di lanciare questa proposta rivolta ai baresi under 30. Nello specifico vogliamo istituire un fondo vincolato per sostenere e incentivare la formazione dei giovani mediante l’erogazione di borse di studio destinate agli alunni delle scuole secondarie di secondo grado di Bari e agli studenti universitari iscritti alle università pubbliche cittadine. Siamo consapevoli di non poter risolvere i loro problemi – concludono – ma sentiamo comunque l’esigenza di fare la nostra parte. E per fare sì che questo progetto venga portato a termine, destineremo una parte dei nostri compensi al fondo, invitando tutti gli amministratori pubblici baresi a fare lo stesso insieme a noi. Riteniamo sia un’opportunità importante per tanti nostri coetanei e siamo fiduciosi che vi sarà un’ampia adesione a questa iniziativa”.

 

Di seguito le prescrizioni per partecipare alla realizzazione del fondo vincolato alle borse di studio:

 

L’adesione all’iniziativa è aperta a tutti gli amministratori pubblici della città di Bari (Sindaco, Assessori della Giunta Comunale, Presidenti di Municipio, Consiglieri comunali e municipali e Amministratori delle Aziende pubbliche partecipate dal Comune di Bari). Per i consiglieri comunali e municipali, il contributo per partecipare è parametrato all’importo dei “gettoni” di presenza percepiti dai consiglieri comunali e municipali: il versamento minimo per aderire è pari ad un “gettone” al lordo per 12 mesi; per quanto attiene alle cariche istituzionali che percepiscono una retribuzione mensile la scelta è libera.

Il versamento dovrà essere effettuato entro il mese di novembre 2015 su un conto corrente dedicato all’iniziativa appositamente aperto dai consiglieri municipali promotori, di cui unico beneficiario è il Comune di Bari.

I contributi raccolti sono vincolati all’esclusivo scopo di finanziare borse di studio destinate agli studenti delle Scuole secondarie di secondo grado e ai studenti universitari frequentanti una delle Università pubbliche di Bari città.

All’uopo, i promotori stabiliscono di autovincolarsi, nelle concrete modalità di svolgimento dell’iniziativa, all’applicazione dei vigenti Regolamenti comunali di Bari:

–  al Regolamento comunale approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 1031 del 22/12/1972, per quanto riguarda le borse di studio dedicate agli studenti delle Scuole secondarie di secondo grado, con espressa esclusione dell’applicazione degli articoli 8 e 10;

– al Regolamento comunale approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.327 del 24/04/1975, con riferimento ai laureati in qualsiasi corso di studio universitario, con espressa esclusione dell’applicazione dell’articolo 2.

Lascia un commento