NUOVO LIBRO DI CRISTINA PARODI:

ARRIVO SEMPRE IN ANTICIPO“, NUOVO LIBRO DI CRISTINA PARODI:

 “LADY DIANA MI RIVELO’ CHE FORSE NON AVREBBE VISTO CRESCERE I SUOI FIGLI”

di ROMOLO RICAPITO
Cristina Parodi ha affidato a un libro da poco pubblicato da Mondadori, Arrivo Sempre in Anticipo ( prezzo di copertina 16, 90, 91 pagine)  un rapido e agile excursus della sua carriera giornalistica  che comprende una sorta di fotografia degli anni ’80 e ’90  ,soprattutto,  con un balzo nell’attualità e considerazioni sui viaggi che l’anchorwoman ha fatto negli ultimi anni. Non soltanto turismo di piacere,  però, ma  visite “sociali”  in paesi come l’Afghanistan dove, scrive, la condizione della donna è disprezzata.

Un volume dunque che unisce note biografiche a considerazioni personali, ma anche  a qualche scoop.
Apprendiamo allora che, dopo essere diventata campionessa lombarda di tennis a 16 anni, trasferitasi maggiorenne a Milano, conosce occasionalmente il playboy Francesco D’Alessio, che verrà ucciso dalla modella Terry Broome il 27 giugno dell’84.
Ancora, durante un Concerto di Natale dal Vaticano, registrato una settimana prima della messa in onda su Canale 5, assiste in diretta alle invettive inaspettate di Lauryn Hill, popolare cantante americana di colore, che attacca i preti pedofili e la corruzione della Chiesa. “Atto inopportuno e vigliacco”, lo definisce la Parodi (in quel contesto di gioia).
Durante i suoi vagabondaggi in America col bellissimo fratello Roberto, scrittore e giornalista e quasi coetaneo, conosce a New Orleans un musicista di strada, tale Alexander Masakela, con precedenti di  spaccio.
Masakela invita i germani Parodi per un drink e  a fare un tour della città.
Si tratta dello stesso musicista che successivamente verrà coinvolto nella scomparsa di Ylenia Carrisi, nel 1994.
Ma la rivelazione più clamorosa riguarda Lady Diana, che la Parodi conobbe in un breve incontro durante un    intervento  della “Principessa Triste” ad un convegno in Italia sulle” Relazioni con le Persone  della Terza Età”.
Lady Diana rivelò in privato  alla Parodi  di vivere una vita della quale non poteva lamentarsi, “ma che non era quella che sognava“.
Aggiungendo: “il mio timore e il mio rimpianto sono quelli di non dovere crescere i miei figli” (pagina 38).
Una forma di preveggenza che la Parodi non tradurrà in un suo articolo, come promesso a Diana, ma che alla luce della morte precoce della Principessa del Galles avvenuta a Parigi il 31 agosto del 1997, di  certo rattrista e  sconcerta.
Ma la vera Cristina è una ragazza borghese, bella e fortunata,  però  molto riservata, che dedica un’ossessiva attenzione agli appuntamenti, arrivando sempre con largo anticipo. Da qui il titolo del libro, dedicato al marito Giorgio Gori, ex dirigente Mediaset e attuale sindaco di Bergamo.
A Giorgio, compagno di vita, perché è bello diventare grandi insieme” si legge prima della narrazione.
Madre insegnante di lettere,  Cristina frequenta ad Alessandria il liceo classico Giovanni Plana.
Studio e tennis sono le sue passioni, ma anche cantare e suonare la chitarra.
Alle feste è  la sosia di  Ali MacGraw, la bravissima interprete di Love Story.
Fare la speaker in campo per il  tennis la porterà a diventare speaker ufficiale degli Atp Italiani, iniziando a scrivere poi per riviste specializzate. Debutta sul piccolo schermo come giornalista sportiva di calcio, nel periodo nel quale già si affermavano in tale campo nomi come Antonella Clerici e Paola Ferrari. Ma il salto di qualità, dopo Odeon Tv, fu il ruolo di “penneralista”  colei cioè che sottolinea le righe più importanti dei quotidiani, al cospetto di Emilo Fede a Canale 5 news. Con lei, Paolo Brosio un simpatico e nuovo giornalista astigiano , poi approdato alle dirette da Tangentopoli su Rete 4.
Tanti e interessanti gli aneddoti: negli anni Novanta , quelli del suo debutto al Tg5 di Enrico Mentana (13-1-1992), Roma è già un po’ quella in seguito documentata dal film La Grande Bellezza : ambiente di cialtroni e feste sulle terrazze di notte.
Ancora: tre figli, Benedetta del ’96, Alessandro del 97 e Angelica del 2001, una sorella “giornalista culinaria” (Benedetta) un ruolo di primo piano a La Vita in Diretta di Rai Uno dopo un clamoroso flop a La 7 e   infine  il ruolo di first lady di Bergamo, o” First sciura“, moglie del sindaco Giorgio Gori, il terzo Primo Cittadino più amato d’Italia, secondo un recentissimo sondaggio

Lascia un commento